Marelli su Tunisia-Francia: “Occhio ai quattro fischi, impossibile annullare il gol”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

L’esperto di arbitri e regolamento Luca Marelli ha analizzato il curioso episodio accaduto in Tunisia-Francia ieri pomeriggio. Nel corso del tempo di recupero, Antoine Griezmann aveva siglato la rete del definitivo pareggio, portando i suoi sull’1-1. Check del VAR (apparentemente) chiuso e triplice fischio finale.

La partita, in realtà, non è conclusa, perché il direttore di gara Matthew Conger richiama le due squadre, riguarda la rete al monitor e l’annulla. Sfida che si chiude sull’1-0 per gli africani. Marelli, però, ha qualcosa da specificare sul suo profilo Twitter: “Tale approfondimento non riguarda l’episodio o la sua interpretazione (giocata/deviazione, già affrontata ieri) ma un particolare di cui pochi si sono accorti in diretta (dato che i fischi dell’arbitro sono stati coperti dal commento dei telecronisti). Dopo la rete di Griezmann la  Tunisia posiziona il pallone a centrocampo. Dalle immagini dall’alto si nota l’arbitro Conger che porta il fischietto alla bocca con lo sguardo verso il pallone. Si contano quattro fischi: in linea di massima il fischio di ripresa del gioco e, subito dopo, il triplice fischio finale”.

LEGGI QUI ANCHE: “FISCO, I CLUB PIU’ INDEBITATI IN A: IN TESTA C’È L’INTER”

Poi, Luca Marelli continua: “Ed il punto è proprio questo: si sentono distintamente quattro fischi. Dopo l’ultimo l’arbitro Conger comunica ai calciatori di non lasciare il terreno di gioco, come previsto dal protocollo (pagina 37). L’arbitro può essere richiamato ad On Field Review fino al momento in cui non abbia lasciato il terreno di gioco. Paradossalmente tutti i calciatori potrebbero già essere rientrati con l’arbitro ancora sul terreno di gioco: in caso di OFR verrebbero richiamati per concludere la gara”.

Quindi, conclude:La questione seria, però, è rappresentata da quei quattro fischi. Evitando voli pindarici, il primo è per la ripresa del gioco, gli altri tre per la conclusione della gara, quasi contestuale ma, in realtà, successiva alla ripresa della stessa. Ciò significa che, anche solo per qualche decimo di secondo, la partita è ripresa dopo la segnatura di Griezmann e tanto vale per impedire la revisione dell’episodio perché, come espressamente statuito dal protocollo. In sostanza, l’OFR ‘consigliata’ da Al-Marri non avrebbe potuto esserci dato che Conger, in realtà, aveva già consentito la ripresa del gioco, di fatto ponendo un ostacolo insuperabile per una eventuale OFR. Questo il motivo del reclamo annunciato dalla federazione francese”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate