Marchetti (Sky Sport): “Il mercato è cambiato, che significato ha il prezzo del cartellino?”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

In un editoriale sul portale Tuttomercatoweb.com, il giornalista di Sky Sport Luca Marchetti ha ragionato sul fatto che il calciomercato è cambiato: sul tema dei rinnovi, il coltello è ora dalla parte delle società.

Il pensiero di Luca Marchetti: “Il mercato è cambiato di nuovo. Dopo la pandemia soprattutto. Ci sono delle abitudini che sono cambiate. Su tutti le scadenze di contratto e quello che comporta. Perdere giocatori a zero o essere costretti a vendere quando non si vorrebbe. Sono lontane, lontanissime le grandi battaglie che a volte sfociavano in mobbing di giocatori mandati ad allenarsi da soli se non si firmava il rinnovo. Ora è tutto più normale e naturale. Noi abbiamo in testa i grandi rinnovi (mancati o meno) e sembra – soprattutto quando la firma non arriva – che le danze che lo conducano ancora i giocatori. Succede in realtà solo per i big, solo per quelli che fanno la differenza, i top. Gli altri rischiano. Non certo di rimanere senza squadra, ci mancherebbe pure. Ma rischiano di non far parte più del progetto, rischiano di prendere di meno, non solo delle proprie aspettative ma dell’attuale salario. Il famoso coltello non è più degli agenti, ma ce l’hanno anche le società”.

LEGGI QUI ANCHE   -JUVENTUS, MOGGI APPLAUDITO IN ASSEMBLEA DOPO L’ATTACCO SU CALCIOPOLI: C’E’ DI MEZZO ANCHE IL MILAN-

Luca Marchetti fa poi l’esempio dell’Inter: “Credo che esemplificativo sia il caso dell’Inter che ha 9 giocatori in scadenza (più due prestiti da definire per il 2023). E’ ovvio che l’attenzione sia tutta per Skriniar, che ancora non rinnova, che nonostante la buona offerta dell’Inter non si riesce a sbloccare la situazione, che l’inserimento grandi squadre può chiaramente può far pendere la bilancia da altre parti. Ora se Skriniar dovesse lasciare l’Inter a zero, per la società nerazzurra sarebbe certamente un problema. Intanto perché uno forte come Skriniar difficilmente si trova in giro. Secondo: perché se ne può fare anche a meno di uno come lui, ma in cambio di tante (decine di) milioni di euro. Questo ora è sempre meno probabile che succeda, più passano i giorni e più il pessimismo sale, è naturale. Per uno Skriniar che però conduce le sue di danze ci sono altri che in qualche modo le subiscono: a partire da De Vrij, Gagliardini, Dzeko, Darmian, D’Ambrosio, Dalbert, Handanovic e Cordaz. L’Inter i suoi piani naturalmente non li rende noti, perché cambiano, ma siamo certi che non tutti il prossimo anno saranno in nerazzurro. L’Inter ha la necessità di vendere e lo sappiamo, ma giocando sulle scadenze contratto può avere la possibilità di abbassare il monte ingaggi e di ringiovanire la squadra, senza dover essere troppo drastica. E se dovesse succedere di quelli che oggi sono qui in questa lista in tanti sono da anni in nerazzurro: chi avrebbe tradito qui, in questo caso? E diventa anche un discorso di strategia. Perché già da adesso bisogna che le società si diano da fare per poter mettere a punto proprio questo tipo di tracce, magari cercando di avere anche due o tre piste da poter correre in maniera tempestiva anche ai “ripari”. Senza necessariamente parlare di Piano A e Piano B. E poi attenzione: provate a guardare quanti “parametri zero” ci sono in giro per il mondo”.

LEGGI QUI ANCHE   -LELE ADANI RIVELA: “ECCO PERCHE’ NON HO COMMENTATO LA FINALE MONDIALE…”-

Marchetti chiude: “E nella situazione dell’Inter, più o meno ci sono in tanti. Se non ora la prossima stagione (pensate al Milan alle prese con i rinnovi pesanti di Leao e Bennacer, tanto per dirne due, o con Giroud e Ibra in scadenza 2023). E la provocazione allora è questa: se Messi è a scadenza, se CR7 è libero, se Mbappé è come se lo fosse stato e forse lo diventerà di nuovo, oggi che significato ha il prezzo del cartellino? Torniamo al discorso iniziale… quanto vale oggi il cartellino di Messi? O quello di Skriniar?”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Luca Marchetti

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate