Luka, scelgo te! Ora Jovic si gioca il Milan: bivio Pioli?

I più letti

Col Frosinone si è sbloccato e ora deve convincere il Milan a puntare su di lui: Luka Jovic si gioca tutto nel mese di dicembre

Il Milan scopre Luka Jovic: l’attaccante serbo alla terza presenza da titolare rompe un digiuno lungo 189 giorni (l’ultimo centro stagionale risaliva al 27 maggio 2023 in Fiorentina-Roma) e si sblocca nel match contro il Frosinone mettendo a segno la prima rete in maglia rossonera e servendo un importante assist. Una prestazione che non solo l’ha fatto uscire da San Siro acclamato dai propri tifosi, ma che ha anche lanciato importanti segnali sul fronte futuro: non è escluso infatti che il numero 15 rossonero possa prolungare la sua permanenza a Milanello.

La partita della svolta

Dopo un inizio faticoso con prestazioni deludenti e sottotono, Jovic ha iniziato a far parlare (positivamente) di sé in occasione della partita contro la Fiorentina che l’ha visto fornire l’assist al bacio per Theo Hernandez per l’1-0 rossonero e il palo clamoroso preso nella sfida europea persa contro il Dortmund. La tredicesima giornata è stata decisiva per l’ex Viola: pur toccando pochi palloni e iniziando la partita nell’ombra, si rimette in luce sbloccando la partita al 43’ del primo tempo raccogliendo il cross di Chukwueze e successivamente servendo di testa il pallone del parziale 3-0 targato Tomori.

“GLI MANCA IL FIUTO DEL GOL, MA QUANDO SEGNI COSI’…”: IL CLUB DI SKY SPORT SU LUKA JOVIC

Assolutamente da sottolineare il suo atteggiamento propositivo: 7 uno contro uno riusciti, 100% di dribbling completati e 6 contrasti a terra vinti. Una prestazione che non è passata di certo inosservata agli occhi del proprio allenatore che nel post partita ha voluto elogiarlo: “Ha grandissime qualità, ora fisicamente sta molto meglio. È un giocatore forte. Cerco di spronarlo tutti i giorni, ma deve pretendere di più da se stesso”.

Perchè Luka Jovic?

Il Milan decide di ingaggiare Jovic nelle ultime ore di calciomercato estivo, bisognoso di un “vice Giroud”: data la sua forza fisica notevole, è un’ottima arma spalle alla porta, in grado di far salire la squadra proteggendo palla; inoltre, può essere impiegato come esterno destro e sinistro visto che è molto veloce con il pallone e rapido nei cambi di direzione. Nella scorsa stagione con la Fiorentina ha totalizzato 31 presenze, 6 gol e 3 assist in Serie A; 13 presenze e 6 reti in Conference League e 4 presenze e 1 gol in Coppa Italia. L’attaccante classe ’97 è pronto a migliorare questi numeri e ritagliarsi sempre più un ruolo da titolare.

ESCLUSIVA, PEDULLA’ SUL CALCIOMERCATO: “PRIORITA’ DEL MILAN E’ IL DIFENSORE. SU JOVIC…”

Ora a Luka serve continuità: contro l’Atalanta farà ritorno Giroud (rientrante dalla squalifica di due giornate rimediate nella sfida contro il Lecce), ma con un vice così è tutt’altra musica. Il Milan potrebbe vedere in Luka non solo una certezza in termini di scelte di formazione, ma anche sul fronte mercato perché ora i rossoneri dovranno valutare se puntare su di lui oppure pescare comunque altrove e rimpolpare l’attacco con nuovi elementi.

“L’EVENTO, IL GOL DI JOVIC”: LE TRE NOTIZIE DI MILAN-FROSINONE PER ORDINE

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate