Llorente: “Sogno Milan-Juventus del 2014: è la serata di Milik!

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

Fernando Llorente suona la carica, la Juventus può rilanciarsi contro il Milan: Milik come Tevez nel 2014, occhio a Leao

Un altro ex si è sbilanciato su Milan-Juventus di questa sera: Fernando Llorente sente l’aria del 2014, quella volta la decisero lui e Tevez. L’attaccante spagnolo punta tutto su Milik e ha fiducia nella capacità di Allegri di gestire le difficoltà. Il pericolo numero uno rimane Leao. Llorente si è espresso così su Milan-Juventus alla Gazzetta dello Sport:

ALLEGRI PROVA LO SCHEREZETTO: RIVOLUZIONATO L’ATTACCO ANTI-MILAN

Su Milan-Juventus di oggi: «È di nuovo un classico da Scudetto. Il Milan è primo e parte favorito, ma la Juve si sta ritrovando e dovesse vincere a San Siro …. Confido nei gol del mio amico Arkadiusz Milik e in una vittoria della Juve per 2-0, come nel 2014 …».

Quella volta vinceste a San Siro grazie a lei e Tevez. Sensazioni? 

“Sono ancora forti e bellissime. Auguro una serata come la nostra alla Juve e a Milik, mio compagno ai tempi di Napoli. Arek, forse perché è stato sfortunato con gli infortuni, a volte viene sottovalutato. Invece ha un gran tiro di sinistro ed è bravissimo anche a rifinire l’azione”.

Allegri ritrova Vlahovic dopo i problemi alla schiena… 

“Sono un suo estimatore, anche perché so con quanta pressione deve convivere il nove della Juve. Dusan è giovane e per la sua età ha fatto bene, ha segnato 4 gol nelle prime giornate. Pure io non lo avrei scambiato con Lukaku”.

Delle sue Juve chi farebbe più comodo ad Allegri?

“Tutti, ma soprattutto Vidal o Tevez, campioni caratteriali che davano la scossa”.

Rabiot ci sarebbe stato nella sua Juve? 

“In rosa sì, perché comunque è un bel centrocampista. Ma poi sarebbe stata dura per Rabiot – e forse per chiunque altro – ritagliarsi spazi tra Pirlo, Vidal, Marchisio e Pogba. A proposito di Paul: mi spiace molto quello che gli è capitato, è un bravissimo ragazzo. E che tristezza il caso scommesse e la squalifica di Fagioli: si fanno tanti incontri in cui viene spiegato che è vietato scommettere sul calcio. Eppure… Basta poco per rovinarsi la carriera”.

Un clone di Vidal non esiste, ma a gennaio almeno un rinforzo a centrocampo arriverà. Meglio Hojbjerg (Tottenham), Samardzic (Udinese) o De Paul (Atletico)? 

“Hojbjerg. L’ho affrontato in Premier: è un leader, un capitano: quello che serve alla Juve per costruire un ciclo di successi”.

Marotta, suo dirigente a Torino, ha detto: “La Juve non ha le Coppe ed è la favorita per lo scudetto”. Concorda? 

“Marotta è un dirigente top, esperto: penso parli così per mettere pressione alla Juve e toglierla all’Inter. È presto per dire chi è favorito”.

Allegri avrà la coperta corta in difesa e a centrocampo: immagina qualche allegrata? 

“Max è molto bravo a gestire le difficoltà col sorriso e a inventare soluzioni nuove”.

Il Milan sarà senza Maignan e Theo. Chi teme maggiormente?

“Leao. Ho sempre avuto un debole per lui, fin dal primo anno al Milan quando spesso era criticato. Mix di forza, velocità e tecnica: attaccante fantastico”.

ILARIA D’AMICO: “MILAN E INTER SI PUNGOLANO, MAI DARE PER MORTA LA JUVENTUS! BUFFON…”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

llorente milan juventus

Ultime news

Notizie correlate