Liverpool-Milan, Pioli in conferenza: “Giroud sta bene ma non ha i 90 minuti nelle gambe”

Milan-Porto Pioli

Liverpool-Milan – Alla vigilia di Liverpool-Milan, gara d’esordio del Milan nella UEFA Champions League 2021/22, Stefano Pioli ha parlato in conferenza stampa. Di seguito riportate le sue dichiarazioni:

Un anno fa giocavamo con il Bodø Glimt e il Rio Ave. Ora Liverpool e Atletico. Si alza l’asticella?

Sicuramente la crescita c’è stata, è passata quasi una stagione. Siamo cresciuti, abbiamo fatto errori e tutto è servito per migliorare. La squadra ha capito bene come giocare, stare in campo e interpretare le partite. Poi ora il livello si alza ma lo abbiamo voluto fortemente e cresceremo ancora.

Ad Anfield senza Ibra: quanto può pesare?

Zlatan sarebbe sceso in campo dal primo minuto, ma ha avuto una piccola infiammazione. Ci ha provato stamattina ma il dolore c’era e non aveva senso prendersi rischi. Io penso a un Milan con Zlatan, lo vogliamo tutti. Abbiamo delle validissime soluzioni. Queste improvvise defezioni fanno parte del gioco. Vedremo chi inizierà tra Rebic e Giroud. Per Zlatan dispiace, vuole sempre giocare.

Non hai mai giocato la Champions da allenatore. La tua esperienza ventennale può essere comunque utile?

Prepariamo la partita nel miglior modo possibile. Io sono appassionato di calcio inglese e conosco bene il Liverpool. Molti di noi non hanno esperienza in CL ma il calcio è il calcio, faremo il massimo anche a livello di energia e preparazione.

Girone di Champions. Gestione delle energie per partite più abbordabili?

Non ci sarà una partita abbordabile, saranno tutte difficilissime. Le squadre sono tutte competitive e sono in Europa da tanto tempo. C’è grandissimo rispetto degli avversari ma anche consapevolezza delle nostre qualità.

Giroud quanti minuti ha?

Olivier sta sempre meglio. Non ha i 90 minuti ma è normale. Sta bene ed è disponibile. Ante viene da una grandissima prestazione, quindi sono sicuro che tutti si faranno trovare pronti.

Tatticamente come si affronta il Liverpool?

Dobbiamo essere intelligenti e capire gli spazi che ti lascia l’avversario. Il Liverpool è una squadra che ti aggredisce, o cercheremo la profondità o attraverso il palleggio, ma dovremo eludere la loro pressione.

Guarda QUI l’intervento di Fabio Capello a Radio Rossonera

Leggi QUI le parole di Simon Kjaer in conferenza

photocredits acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.