Liverpool-Milan, Kjaer in conferenza: “La mentalità del Mister è giocare da Milan”

Liverpool-Milan Kjaer

Liverpool-Milan Kjaer – Alla vigilia di Liverpool-Milan, gara d’esordio del Milan nella UEFA Champions League 2021/22, Simon Kjaer ha parlato in conferenza stampa. Di seguito riportate le sue dichiarazioni:

Ultima partita a Manchester, parlasti di mentalità in queste sfide. Sei ancora di quella idea?

Sarà la stessa mentalità, dobbiamo incontrare una squadra fortissima come il Liverpool, ma adesso siamo cresciuti tanto fisicamente e mentalmente. Sarà una partita difficile domani ma la mentalità del mister è andare la e giocare da Milan.

Kakà ha indicato 3 giocatori chiave: Ibra, Giroud e Kjaer. Che effetto ti fa questo attestato di stima?

È sempre un piacere, mi rende orgoglioso che un ex come Kakà dica una cosa così. Alla fine faccio il mio lavoro come al solito. È una partita molto speciale per il ritorno in Champions ma la incontriamo con grande voglia.

Il Milan è pronto ad affrontare il Liverpool?

Si, l’abbiamo preparata bene, siamo a buon punto del nostro percorso. Giochiamo a calcio per partite così, avere tutto da vincere o tutto da perdere. Penso che dobbiamo andare la, certamente rispettarli, ma affrontarli con il cuore e con la testa.

Come avete reagito a questo sorteggio?

Giocare la Champions significa giocare contro i migliori, è sempre meglio e ti fa crescere. Io ci sono stato un paio di volte e ho avuto grandi esperienze. È sempre una bella cosa. Sappiamo quello che possiamo e dobbiamo fare, poi alla fine facciamo il conto.

Sei uno dei più esperti. È la squadra più forte in cui hai giocato?

Sicuramente siamo migliorati su tutto rispetto all’anno scorso, punto di vista fisico, mentale e tattico. Io penso di giocare il miglior calcio della mia vita, ma succede perché la squadra mi mette in condizione. Sai in base all’esperienze le cose in cui sei più o meno bravo, e la squadra mi aiuta.

Kjaer, Tomori e Romagnoli. La difesa è uno dei reparti più affidabili. Vi sentite così?

Mi trovo molto bene con loro. Il nostro lavoro è mettere il mister in difficoltà, anche con Gabbia. Il rapporto è sempre stato buono e sempre sarà buono. In una squadra che vuole competere su tutto come noi 11 giocatori non bastano, ne servono 22. Fino a Dicembre ci saranno 32 partite e non ne farò 32. Servono tutti.

Questa squadra ha la maturità giusta per centrare gli obiettivi?

Si, ma tutti dobbiamo crescere ancora. C’è sempre qualcosa da imparare, mentalmente e fisicamente. Siamo in un buon momento, ci saranno tantissime partite. La cosa più importante è lo spirito, la voglia di lavorare. 

Leggi QUI parole di Kakà su Liverpool-Milan

Guarda QUI la puntata di oggi di LunchPress con Federica Zille

photocredits acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan