L’ex portiere: “Milan, la Roma é favorita: occhio alle questioni societarie”

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Intervistato da TMW Radio, l’ex portiere di Serie A Simone Braglia ha pronosticato il prossimo quarto di finale europeo tra Milan e Roma

Dopo il sorteggio di Europa League, che ha decretato l’Euroderby tra Milan e Roma, sono tanti gli addetti ai lavori che hanno già iniziato ad analizzare la sfida, per capire chi la spunterà. Intervistato da TMW Radio, anche l’ex portiere di Serie A Simone Braglia ha pronosticato il prossimo quarto di finale europeo tra Milan e Roma e non solo.

Le parole di Braglia

Una valutazione su Milan-Roma?
“Nel derby italiano vedo più favorita la Roma, perché ha un’identità diversa in questo momento. Ha una squadra che sta girando a mille e credo abbia più possibilità del Milan. Anche le questioni societarie si riflettono in campo.

Cicli finiti per Italiano e Pioli?
“I manager in una società possono stare a vita. L’esempio di Ferguson è lì a dimostrarlo. E’ costume in Italia fare discorsi del genere. Italiano e Pioli hanno finito un percorso? Dipende dagli obiettivi societari. Ci sarebbe ancora da programmare in realtà. Io lo terrei ancora Pioli. Le responsabilità infatti non le addosso solo a lui ma alla società”.

L’Inter può subire il contraccolpo?
“No. Il problema poi non è l’Inter ma chi la deve recuperare. Possono metterle pressione Juve e Milan? Giocano al ciapa no. Ormai la seconda stella ce l’hanno sul petto. Ci può stare perdere col Napoli, ma non sarebbe segno di una crisi. Ma non vedo poi il Napoli capace di un colpo del genere”.

Ultime news

Notizie correlate