Pres. Lecce: “Regola che non esiste! Il giorno dopo il Milan…”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Torna a parlare Sticchi Damiani dopo Lecce-Milan: la polemica col VAR e il rapporto con le “emozioni”

A seguito del pareggio maturato a Via del Mare sabato scorso nella sfida contro il Milan, nel post partita, sponda Lecce, si è dato origine a una serie di polemiche sul contatto che ha fatto annullare alla squadra arbitrale il 3-2 di Piccoli. Con la contestazione pubblica e la successiva squalifica di Saverio Sticchi Damiani, oggi il presidente del Lecce torna a parlare della gara col Milan. Di seguito, la sua intervista a La Gazzetta dello Sport.

ROCCHI A OPEN VAR: “LECCE-MILAN, SCELTA GIUSTA! HO LETTO COSE…”

Le verifiche sul contatto

A distanza di qualche giorno, il gol annullato a Piccoli l’ha digerito?

«Credo che il Var debba essere un supporto per gli arbitri nelle scelte cruciali e per evitare gli errori gravi. Invece siamo arrivati a vivisezionare tutto, ma il risultato di questa scomposizione per fotogrammi in certe gare si usa, in altre inspiegabilmente no. L’intensità di uno “step on foot” non si può percepire davanti al video. Il Var deve scovare errori evidenti, non generare una nuova tipologia di falli».

Forse il tentativo di togliere discrezionalità agli arbitri genera un altro tipo di problemi.

«E’ ciò che penso anche io. Ho appreso dal designatore, e lo dico senza alcuna polemica, che lo “step on foot” va sempre punito, anche se involontario o lieve. Ho fatto un approfondimento e ho verificato che questa regola non sta scritta da nessuna parte. Chi l’ha decisa? Immagino si tratti di una linea che si sono dati i direttori di gara per rendere oggettivo ciò che oggettivo non sarà mai. Si parla tanto di diritti televisivi, della necessità di avere un prodotto che piaccia, ma è il caso di proporci in giro per il mondo con un calcio snaturato sulla base di regole non scritte? Di prassi? E non mi riferisco solo allo “step on foot”, ce ne sono altre che stanno cambiando l’essenza di questo sport».

CALVARESE: “PICCOLI-THIAW, DUE PERCEZIONI. FACCIAMO UN GIOCO”

La proposta

Ha una proposta?

«Riportiamo il Var ad essere uno strumento di supporto e non di governo. Diamo maggiore certezza ai pochi, fondamentali casi in cui esso può legittimamente intervenire, chiarendone presupposti e limiti. Non credo che questo sia un compito che possa essere lasciato solo agli arbitri: ci vogliono le istituzioni, le leghe e qualche bravo giurista. Le prassi applicative “autoprodotte” andrebbero invece limitate al minimo, rese note a tutti, e comunque discusse e valutate preliminarmente non solo dagli arbitri. Il giorno dopo la partita con il Milan, ho chiesto ufficialmente alla Lega di A di discutere e confrontarsi con le istituzioni e i vertici arbitrali e ho auspicato l’apertura di un tavolo di lavoro. Magari non risolveremo la situazione, ma potrà uscirne qualche spunto interessante».

E intanto resta il rimpianto per quei due punti svaniti…

«Il vero rammarico riguarda i tifosi. Rimarrà scolpita per sempre nella mia memoria l’esultanza del “Via del mare”: mai visto nulla di simile, la gente piangeva di gioia, emozioni uniche che il Var ha deciso di cancellare. Quella vittoria sul Milan l’avremmo raccontata ai nostri nipoti».

GIUDICE SPORTIVO, CHE STANGATA AL PRESIDENTE DEL LECCE!

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate