Criscitiello: “Crimine a Lecce! Milan? No, toglietevelo dalla testa”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

“Così si uccide il calcio”: Michele Criscitiello senza mezze parole dopo l’episodio nel finale di Lecce-Milan 2-2

Se in casa Milan l’umore dopo il pareggio di Lecce è pessimo, in Salento la rabbia è forte e non si è spenta dopo le dichiarazioni nel post-partita di Piccoli, D’Aversa e Sticchi Damiani. Il gol annullato da Abisso allo stesso Piccoli all’ultimo secondo di Lecce-Milan sta continuando a far parlare di sé anche dopo il fischio finale dell’ultima partita della 12esima giornata di Serie A. In un editoriale sulle colonne del sito web di Sportitalia, il direttore dell’emittente Michele Criscitiello si è scagliato contro il VAR e contro la scelta di smorzare la gioia del Lecce e di quella che sarebbe stata una storica rimonta contro il Milan.

ESCLUSIVA, PELLEGATTI SU LECCE-MILAN: “MI AUGURO CHE PARLI QUALCUNO”

“Il principio è sbagliato, devi agevolare lo spettacolo”

“Nel week end sono stato a Lecce e, ogni volta, che metto piede nel Salento respiro l’aria magica di Lecce. Dalla gente come ti accoglie, alla società. Io ripago sempre: con me, sugli spalti, il Lecce vince che sia casa o trasferta. E se pareggia sono pari che valgono tanto. Sabato, di fatto, ha vinto e al mio amico Presidente Sticchi Damianilo avevo detto due ore prima davanti al caffè: “Oggi c’è il talismano, ti va bene un 1-X?”. Ha sorriso. Era un sì. Dopo partita neanche mi sono avvicinato altrimenti mi trasferiva il veleno che aveva dentro. E ci credo. Tra Roma e Milan doveva fare 6 punti ne ha fatto 1. Il Var uccide il calcio. Lo dico da sempre. Abbiamo una valida tecnologia ma sfruttata male e messa nelle mani di incompetenti. Erano scarsi in campo figuriamoci dietro ad una scrivania a Lissone. Non mi importa se il gol è del Lecce, Milan, Juve o Salernitana”.

LECCE-MILAN, ORDINE: “PIOLI HA PERSO L’ORIENTAMENTO”

“Il ragionamento è il principio. Se attaccante e difensore non possono più avere contatto fisico diamoci alla pallavolo con una rete di mezzo. Se un pestone diventa fallo, ne fischiamo 100 a partita così. Non si può annullare un gol del genere al 94′. Uccidi il calcio, non il Lecce. Tanto oggi va bene a te, domani va bene a me. Il principio è sbagliato. Come i gol della Juventus contro il Verona. Devi agevolare lo spettacolo, un gol deve essere annullato solo se palesemente irregolare. Quando annulli un gol devi pensare alla gioia che neghi ad un tifoso, ad un bambino. Tra 20 anni a Lecce avrebbero parlato del miracolo di ieri. Da 0-2 a 3-2 con il Milan e Piccoli avrebbe fatto vedere questo gol ai nipoti tra 30 anni. Annullare un gol da 30 metri, per un pestone, è un crimine. E chiedo, per una volta, a chi legge di togliersi di testa l’idea “è perchè il gol l’ha fatto il Lecce, la Juventus o la Roma”. Vale per tutti. Se l’Inter segnerà contro il Lecce e annulleranno un gol del genere vi scriverò le stesse 20 righe. Promesso”.

“STRAVEDO PER PIOLI, MA QUALCOSA NON VA!”: L’EX DOPO LECCE-MILAN

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate