Leao: “Milan, io non dimentico. La testa (e non solo) è qui”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Rafa Leao giura amore al Milan: il portoghese ribadisce il concetto di “lealtà” al Corriere della Sera

Una nuova (lunga) intervista di Rafa Leao, questa volta al Corriere della Sera: questa mattina la stella del Milan parla non solo di calcio, ma quanto conferma sulla sua fedeltà ai rossoneri è di pregevole fattura per ogni tifoso. Ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni.

FUTURO – “Che futuro mi immagino? Il mio è al Milan. Sono qui e ho ancora un contratto di quattro anni. Il Milan mi ha aiutato quando ero in una situazione difficilissima, mi è stato vicino. Io non dimentico, sono leale. Sono arrivato da ragazzino, qui sono cresciuto come uomo e come calciatore. Voglio vincere ancora, la mia testa è qui».

EUROPA LEAGUE – “Ci sono molte squadre forti, ma abbiamo un’idea chiara: arrivare in finale e vincere”.

IL NUMERO 10 – “Un peso? No, mi dà forza. Il 10 è il calcio”.

PIOLI – “Cosa mi ripete sempre? Che sono sempre l’ultimo. Ed è vero”.

CRESCITA – “Per crescere devo vincere cose importanti, come la Champions o l’Europa League. Le cose belle si dimenticano troppo velocemente, quindi bisogna vincere ogni anno, il più possibile. Quando sei al Milan devi farlo, non è una scelta, è un dovere. Per lasciare il tuo nome nella storia”.

Ultime news

Notizie correlate