Garlando: “Vale per Leao e per il Milan. Come cantava Dalla…”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Un nuovo Milan, un nuovo Leao: il giornalista mette l’accento sulla prestazione del portoghese e non solo. E in vista di Lecce…

Della prestazione di Parigi non c’è stata traccia: il Milan di Stefano Pioli (ed è il caso di dirlo, anche di Rafa Leao) è profondamente cambiato nel giro di pochi giorni. Juventus, PSG e Napoli: tre gare in cui ha espresso poco il proprio potenziale prima di arrivare al culmine del cattivo periodo, la sfida contro l’Udinese. Rispetto a 14 giorni prima la squadra è parsa profondamente diversa: ne parla Luigi Garlando questa mattina su La Gazzetta dello Sport.

ORDINE: “IL MILAN SI RICONCILIA TRE VOLTE! SPETTACOLO SUL PSG”

Spirito rossonero

“Stavolta, preso il gol, il Diavolo ha digrignato i denti e pareggiato in 3’. Nessun calo come nel secondo tempo di Napoli. Ancora una volta, il Milan ha risposto alle sollecitazioni tattiche ed etiche del suo ottimo allenatore. Esemplare Calabria, il domatore di Mbappé. Al Parco dei Principi, aveva detto parole scomode alle orecchie di Pioli, a Milano ha toccato i suoi picchi più alti di rendimento. Ma il più nuovo di tutti è stato Rafa Leao. Veniva da 9 partite di Champions senza gol e da troppi cross molli da fuori area. Pioli lo martellava chiedendogli di entrare, di tirare, di attaccare il palo sui cross da destra. Martedì, al 2’, Leao aveva già tirato tra i pali. Al 12’ ha fatto gol al centro dell’area. Nell’azione del raddoppio di Giroud, ha attaccato il palo in lotta con Hakimi. Pioli gli chiedeva anche di aiutare la squadra senza palla. Ha piazzato un recupero difensivo in scivolata, applauditissimo”.

(VIDEO) MILAN-PSG, IL GESTO DI LEAO CHE HA COMMOSSO TUTTI

Come cantava Lucio Dalla

In una notte, Rafa ha fatto tutto quello che gli chiedeva Pioli e che prima faticava a fare, compreso essere decisivo. La rovesciata è il gesto tecnico che meglio simboleggia la svolta, il ribaltamento di una situazione. Ma perché sia veramente tale, servono conferme e continuità. Pioli l’ha detto chiaro: «Leao riveda la partita: questo dev’essere sempre il suo standard». Vale anche per il nuovo Milan. Confermarsi di pomeriggio a Lecce, in un contesto molto meno eccitante della Champions, sarà un ottimo primo test per tutti. Cantava bene Dalla: «L’impresa eccezionale è essere normale». Poi, se il nuovo Milan metterà in fila una serie di vittorie e sul pullman tornerà l’allegria di un tempo, bisognerà trovare un nuovo coro cult. Ci penserà Rafa, il dj dello spogliatoio”.

GARLANDO: “PIOLI HA AZZECCATO TUTTO! LEAO, OCCHIO A DUE FOTOGRAMMI”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate