Milan, Capello: “Leao tra jolly e confusione. Theo non lo credevo così”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Fabio Capello parla di alcuni singoli nel Milan di Stefano Pioli: il suo stupore per Theo Hernandez e il commento su Rafa Leao

In una lunga intervista concessa e pubblicata questa mattina da La Gazzetta dello Sport, l’ex allenatore del Milan ha toccato anche il tema Rafa Leao, sempre all’ordine del giorno. Il tanto criticato portoghese è stato messo sotto giudizio anche del 5 volte scudettato ed ex campione d’Europa con i rossoneri. Ai microfoni della rosea, anche un commento su Theo Hernandez. Di seguito, alcuni passaggi delle dichiarazioni di Fabio Capello.

CAPELLO: “IL MILAN DI PIOLI È PIÙ FORTE DELLA JUVENTUS, MA HA COMMESSO UN ERRORE”

Sorpresa Hernandez e Loftus, confusione Rafa

Dopo, di fatto, non aver risposto alla domanda sull’allenatore (“Non risponderò su cosa farei io, però si vede che ora i giocatori sono integrati e in questo si vede la mano di Pioli”), la richiesta di Luca Bianchin vira, allora, su qualche singolo. Non a caso, infatti, vengono citati i due dai quali ci si aspetta di più. ‘Don Fabio’ risponde così:

«Theo Hernandez mi ha colpito positivamente. Ha avuto una personalità unica da difensore centrale. Mi ha entusiasmato con una umiltà che credevo non avesse. Loftus-Cheek ha dimostrato di avere senso dell’inserimento. Loro due mi sono piaciuti più di tutti. Leao ha qualità pazzesche, ma ora è andato un po’ in confusione. Certo, anche nella confusione è quasi sempre lui a tirare fuori il jolly e risolvere le partite. Se non altro, gli avversari con lui devono spostare tutta la difesa da una parte…».

MILAN, LEAO COME PIOLI? TREVISANI: “STESSA STORIA, MA IO VI INSEGUIRÒ”

Tra mercato e tecnico

A proposito del 19 francese, tra l’altro, un riferimento non troppo velato è fatto dallo stesso ex tecnico pensando alla sfida contro il Bologna. Se il progresso netto di Pioli c’è stato, occhio alle sue parole: «Io vedo un progresso netto, sì. Se poi si sbagliano i rigori…».

Nella chiacchierata con Gazzetta, tirando le somme del campionato dei rossoneri finora, Capello parla a lungo di come il Milan non possa pensare solamente a mantenere il terzo posto ma che, anzi, debba puntare più in alto. Poi, alla domanda sul prossimo calciomercato estivo, risponde in maniera chiara: «Ho grande rispetto per Giroud, per quello che ha dato e per quello che sta dando, però vista la sua età…».

PAGLIUCA SU GIROUD DOPO MILAN-BOLOGNA: “CHE RAZZA DI TIRO È? HO UN SOSPETTO”

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate