Leao protagonista, Maignan muro, Theo decisivo: tra Portogallo e Francia vince… il Milan

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

La Francia batte il Portogallo, ma sorride anche il Milan: Leao, Maignan e Theo Hernandez protagonisti nel quarto di finale di Euro2024

La Francia è la seconda semifinalista di Euro2024 e se la vedrà con la Spagna per staccare il pass per la finalissima. La sfida contro il Portogallo non è stata particolarmente entusiasmante, ma è stata seguita con passione da tutti i tifosi rossoneri. Per il Milan, infatti, si trattava quasi di un derby tra i tre top player della sua rosa: Leao contro Maignan e Theo Hernandez. In un modo o nell’altro, in diversi momenti della partita, tutti e tre si sono distinti.

Milan, la partita di Leao

Rafael Leao è stato un assoluto protagonista della sfida, senza dubbio uno dei più propositivi con la maglia del Portogallo. L’attaccante del Milan è stato una vera e propria spina nel fianco per la retroguardia transalpina, con Koundé che ha faticato non poco a gestirlo. La nota negativa che pesa su di lui è pobabilmente la grande occasione capitata sui suoi piedi nel primo tempo supplementare. Leao ha colpito a botta sicura un pallone vagante, ma Upamecano è riuscito a pararsi davanti e a bloccare la conclusione con un prodigioso intervento. Sulla seconda palla, il milanista ha tentato di colpirla nuovamente al volo, ma a mancato l’impatto con il pallone. Stanco e meno incisivo ogni minuto che passava, è stato sostituito nella pausa tra primo e secondo supplementare.

Milan, la partita di Maignan

Il portiere rossonero si è sempre fatto trovare pronto. In una partita dai ritmi mai elevatissimi ha gestito con sicurezza la difesa ed è stato abile a compiere la sua unica parata seria nel primo tempo. Nella ripresa, invece, ha avuto il merito di bloccare tutti i tentativi del Portogallo nei minuti di maggiore intensità degli iberici, rispondendo colpo su colpo ai tentativi degli avversari. Nella lotteria dei rigori intuisce spesso, ma alla fine è decisivo il palo di Joao Felix.

Milan, la partita di Theo Hernandez

L’utilizzo di Theo Hernandez in Nazionale è molto diverso rispetto a quello al Milan, perlomeno negli ultimi anni di gestione Pioli. È suo il primo tiro della partita, un missile a 127 Km/h che Diogo Costa respinge. Per quasi tutto il resto della sfida resta quasi sempre nella sua metà campo e difensivamente è quasi insuperabile. Nel finale dei suplementari crea una potenziale occasione con una percussione delle sue. Nella lotteria dei calci di rigore, Deschamps gli assegna la responsabilità enorme del quinto penalty. Lui si presenta dal dischetto e, con estrema tecnica e freddezza, batte Diogo Costa con un mancino sotto l’incrocio, mandando la sua Francia in semifinale.

Ultime news

Notizie correlate