Lazio-Milan, Pellegatti: “8 e 9 fa Okafor. Ho chiesto ad amici arbitri” (ESCLUSIVA)

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Carlo Pellegatti parla da Roma a Radio Rossonera: il suo intervento nel post partita di Lazio-Milan

A pochi minuti dal triplice fischio di Lazio-Milan, come di consueto è andato in onda il post partita di Radio Rossonera sul nostro canale Youtube. Durante la diretta, da Roma si è espresso anche Carlo Pellegatti. Ecco qualche commento sparso dal suo intervento.

Il commento a caldo

“Ci portiamo a casa questa vittoria, nata da una prima mezzora da brutto Milan. Fortunato anche quando l’arbitro bravissimo non ha fischiato il rigore. Ho messaggiato subito dei miei amici arbitri per chiedere il perché. E me l’hanno spiegato, Maignan è arrivato sul pallone e non poteva smaterializzarsi. Poi da una fuga in avanti di Gabbia, il Milan ha trovato una manovra un po’ più fluida e da lì in avanti ha comandato la partita senza essere pericolosissimo”.

Sull’espulsione di Pellegrini:

“Inutile prendersela con Pulisic, lui non si è accorto come l’arbitro. Ho visto che c’era un giocatore a terra ma l’azione sembrava da continuare”.

Ancora Pellegatti:

“Vittoria meritata o non, indubbiamente dal minuto 34 il Milan ha giocato meglio. Non usciamo da Roma pensando di aver visto un grande Milan”.

Infien, sulla rete di Okafor:

“Voglio dire poi che come il gol di Ambrosini era stato il gol dello Scudetto, questa vittoria con la rete di Okafor sancisce la sicurezza della Champions League. Lo dico senza sventolare bandiere, ma almeno possiamo concentrarci sull’Europa League. Mi hanno ricordato anche che due anni fa hanno segnato Giroud con il 9 e Tonali con l’8, la somma fa 17: il numero di Okafor”.

Ultime news

Notizie correlate