Lazio-Milan, Lotito non si ferma: mossa shock e quelle “straordinarie”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Lotito vuole ricorrere a misure “straordinarie” per far valere la Lazio in tutte le sedi dopo il match con il Milan

Non si placa la rabbia di Claudio Lotito dopo Lazio-Milan di venerdì sera per l’arbitraggio di Di Bello. Il presidente biancoceleste sta valutando le contromisure adeguate per dar seguito ai fatti all’annuncio nel postpartita della sfida quando aveva annunciato che il Club si sarebbe fatto valere nelle sedi opportune. Il Corriere dello Sport ha svelato alcune delle mosse in mente del numero 1 biancoceleste, che vorrebbe rivolgersi alle istituzioni calcistiche, sportive fino ad arrivare alle più alte sfere politiche-governative. Addirittura sarebbe emersa l’intenzione incredibile del Presidente di chiedere la ripetizione della partita.

Lotito, chiesto parere per la ripetizione di Lazio-Milan

Claudio Lotito sta preparando le contromosse per far valere, come annunciato nell’immediato postpartita di Lazio-Milan, il club nelle sedi opportune. La rabbia è riferita a quelle, che a suo dire, sono stati i gravi errori della squadra arbitrale che non sono più risolvibili con misure “ordinarie”. Secondo quanto rivelato da Il Corriere dello Sport, in prima istanza Lotito aveva anche chiesto un parere all’avvocato Gentile per sapere se ci fossero gli estremi per la ripetizione della sfida contro i rossoneri per l’errore tecnico sul rigore non concesso e reclamato da Castellanos della Lazio. Questa opzione è stata subito rigettata indietro per mancanza dei requisiti.

Denuncia, interrogazioni e coinvolgimento delle istituzioni

Lotito non ha però intenzione di fermarsi e sta valutando altre opportunità. Le possibilità vanno dalla richiesta di chiarimenti alla FIGC e al CONI. Il presidente della Lazio aveva però annunciato l’intenzione di rivolgersi a enti terzi e per questo motivo è facile pensare alle istituzioni politiche. Il Corriere dello Sport ha citato il ministero dello Sport retto dal ministro Abodi e il Governo. Lotito da parlamentare potrebbe firmare un’interrogazione parlamentare oppure fare riferimento alla Magistratura preparando una denuncia contro ignoti in grado di aggirare l’ordinamento sportivo e andando direttamente su quello ordinario.

Ultime news

Notizie correlate