Giannichedda: “Il Milan per vincere, la Lazio per riscattarsi” (ESCLUSIVA)

I più letti

Abbiamo intervistato Giuliano Giannichedda, ex centrocampista della Lazio, che ci ha raccontato come i ragazzi di mister Sarri si stanno preparando ad accogliere il Milan per il match di domani sera

Il Milan ha pareggiato in casa contro l’Atalanta, in un match che l’ha visto dominare i nerazzurri ma senza trovare il guizzo giusto per poterla spuntare; dal canto suo, la Lazio arriva da una sconfitta al Franchi contro la Fiorentina. Abbiamo chiesto a Giuliano Giannichedda, ex centrocampista e capitano della formazione laziale, come si stanno preparando i ragazzi di mister Sarri a questo importante match contro i rossoneri.

Gli alti e bassi della Lazio verso la sfida al Milan

Ieri sera la Lazio ha aperto le marcature con Luís Alberto, poi però la Fiorentina ha ribaltato il risultato portandosi a casa la vittoria. Come si volta pagina dopo questa sconfitta? Anche se ha aperto le marcature, il vantaggio del primo tempo della Lazio non è stato proprio meritato perché comunque la Fiorentina ha sempre avuto in mano il pallino del gioco. La Lazio è stata brava a concretizzare quel contropiede ma se andiamo a vedere le occasioni tra il primo e il secondo tempo non è stata una Lazio brillante, completamente in balia della Fiorentina che ha meritato la vittoria. Secondo me è una squadra un po’ spenta, senza energie, in più giocando così tanto e trovando la Fiorentina in pieno regime a livello fisico, in questo momento è chiaro che si creano molte difficoltà”.

Quali sono i giocatori che la stanno convincendo maggiormente? La Lazio più che giocatori singoli ragiona da squadra, è il gioco di Sarri che porta a ragionare da squadra: se tutta una squadra non gira (soprattutto in fase di non possesso), non riescono a recuperare palla e a fare gioco. Non è un problema di singoli, un po’ tutti devono crescere di condizione fisica e mentale perchè troppe volte quest’anno ha avuto degli alti e bassi”.

Unico ex della partita sarà Alessio Romagnoli: di fede laziale dichiarata, ormai è la seconda stagione che veste la maglia della sua squadra del cuore. Nonostante lui stesso abbia sempre dichiarato di provare un profondo rispetto per il club che l’ha fatto diventare campione d’Italia con la fascia da capitano al braccio, pensa che abbia comunque voglia di fare bella figura contro i suoi ex compagni? Chiaro che un giocatore va in campo sempre per dare il massimo, poi Romagnoli ha sempre dimostrato personalità ed è un grandissimo professionista. Ha fatto molto bene quando era al Milan meritando la fascia da capitano e vincendo lo scudetto; adesso sta facendo molto bene a Roma, è un giocatore molto bravo ed esperto che quando gioca dà sempre tutto quello che ha”.

I rossoneri dopo il pari contro l’Atalanta

Parlando ora di Milan, quali sono i giocatori che secondo lei la Lazio dovrebbe temere di più? Dire Leao soprattutto in questo momento sarebbe banale, il Milan anche contro l’Atalanta ha dimostrato di giocare bene: sicuramente non meritava di pareggiare, meritava la vittoria. E’ una squadra in cui stanno rientrando tutti gli infortunati: il problema del Milan di quest’anno era che non aveva tutti gli effettivi perché c’erano tanti infortuni, al completo è una squadra fortissima; tra l’altro con il gioco di Pioli, che è molto dispendioso e arrembante, se stanno bene tutti diventa una squadra davvero forte”.

Considerando l’ultimo risultato che ha visto il Milan pareggiare una partita in cui forse meritava qualcosa di più, con che morale pensa si possa presentare all’Olimpico venerdì sera? Il Milan va in campo sempre per vincere e ha le possibilità per farlo, però deve fare i conti con una Lazio che ha giocato male con la Fiorentina e vorrà riscattarsi, quindi sarà difficile“.

Per concludere, possiamo dire che le due formazioni arrivano da due risultati non propriamente soddisfacenti. Che risultato si aspetta? Pensa che una delle due la possa spuntare? Fare pronostici è difficile: il Milan a livello di squadra, di blasone, può partire favorito ma dall’altra parte c’è la Lazio che vorrà rifarsi in casa, quindi sarà una partita da “tripla”.

Ultime news

Notizie correlate