Spezia-Milan – Quali insidie tattiche nasconde la trasferta ligure?

0 cuori rossoneri

Spezia-Milan – La chiave tattica è la rubrica di Radio Rossonera curata ogni settimana da Michele Tossani, match analyst specializzato, che analizza tatticamente il prossimo avversario del Milan.
Oggi tocca allo Spezia di Thiago Motta.

Come dimostrato dalla sfida alla Juve (sconfitta di misura 2-3) lo Spezia non è squadra da sottovalutare. All’inizio della stagione (coppa Italia compresa) Thiago Motta aveva scelto la difesa a tre ma dopo le prime uscite in campionato (6 gol subiti) il tecnico italo-brasiliano è passato ad una disposizione a quattro.

Con la difesa a tre, uno dei meccanismi più utilizzati in costruzione era stato quello che vedeva l’interno di centrocampo scivolare sulla linea arretrata facendo funzione di braccetto, con quest’ultimo che invece guadagnava campo in avanti. L’impostazione da dietro è comunque rimasta importante nel modo di costruire calcio dello Spezia.

La compagine ligure cerca di giocare palla (38 azioni da dieci o più passaggi, 3.31 passaggi in media per azione) anche se il possesso medio finora è stato del 45.9%.

In fase di possesso Motta contro la Juve ha avanzato un terzino in mediana nella figura di Salva Ferrer, precedentemente utilizzato da quinto nel 3-4-3 o da esterno basso della linea a quattro. L’ex giocatore del Gimnàstic di Tarragona ha risposto calandosi bene in una parte che aveva già recitato prima di approdare in Italia.

Una mossa, quella di spostare un laterale in mezzo al campo, che il tecnico spezzino aveva già adottato muovendo in mediana il laterale sinistro Simone Bastoni.

Dal punto di vista difensivo lo Spezia non effettua una pressione alta, preferendo difendere in basso (15.78 di PPDA) e questo farebbe presagire per il Milan una partita simile a quella col Venezia, con un avversario che cercherà di chiudere le linee di passaggio ai rossoneri, soprattutto in zona di rifinitura.

Sempre contro la squadra di Allegri, Motta ha schierato Maggiore da trequartista con compiti di ripiegamento difensivo (in pratica da interno di centrocampo) in fase difensiva.

Gli aquilotti non sono comunque impenetrabili, avendo finora concesso 10.14 expected goals against (xGA), peggior dato del campionato.

Una volta conquistata palla la squadra di Motta cerca di attaccare la profondità sfruttando la velocità e la mobilità dei suoi riferimenti più avanzati.

La sensazione quindi è quella di una partita che il Milan dovrà cercare di sbloccare velocemente per incanalarla nella propria direzione.

Spezia-Milan

Leggi QUI le parole di Carlo Pellegatti a Radio Rossonera

Guarda QUI l’intervento di Massimo Ambrosini ai nostri microfoni

photocredits twitter.com/acspezia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live