Bosnia, perché convocare Krunic? Il CT spiega: “Ci hanno detto così”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Bosnia, nell’elenco dei convocati compare Krunic: Milosevic dà spiegazioni sull’infortunato del Milan

Rade Krunic è un perno della Bosnia. Con la sua nazionale il centrocampista del Milan ha superato le 30 presenze ed è diventato ormai un punto fermo anche per il nuovo commissario tecnico Savo Milosevic, tanto da farsi convocare anche quando è infortunato. Questa è la notizia del pomeriggio: perché la Bosnia ha scelto di chiamare ugualmente Krunic? A spiegarlo è lo stesso CT, che ha bisogno del suo centrocampista migliore per le due gare di qualificazione all’Europeo 2024.

INFORTUNIO KRUNIC, C’È LESIONE: L’ESITO DEGLI ESAMI DAL MILAN

Rade, torni prima?

Ha fatto scalpore nel corso del pomeriggio odierno l’immagine che rendono pubbliche tutte le nazionali: un elenco con nomi e cognomi dei prossimi convocati per i successivi impegni durante la sosta. Nessuno si aspettava di leggere anche quello di Krunic tra i chiamati dalla Bosnia: il giocatore del Milan si è fermato nel corso di Milan-Verona e da qualche giorno si è immaginato che sarebbe tornato dopo questa stessa pausa per le nazionali. Allora, a dare una motivazione è l’allenatore Milosevic, che è subentrato a Meho Kodro, esonerato dopo due sole partite. L’ex tecnico di Partizan Belgrado e Olimpia Lubiana ha evidenziato che il centrocampista rossonero potrebbe rientrare in tempo per le due date cerchiate sul suo calendario personale (13 ottobre, contro il Lichtenstein e il 16 col Portogallo di Leao). Queste le sue dichiarazioni:

“Abbiamo avuto notizie per cui Rade potrebbe essere pronto per quelle date. Abbiamo chance di qualificazione. Questo gruppo ha le qualità per farlo”.

Poche ma eloquenti parole, le quali lasciano pensare che Krunic, oltre che per la Bosnia, potrebbe essere utile al Milan prima del previsto. Se sarà così a svelarlo sarà solo il tempo, ma solo quattro giorni fa il club faceva filtrare le sue condizioni fisiche dopo l’uscita obbligata dal campo a San Siro contro il Verona. Gli esami strumentali a cui si era sottoposto, infatti, avevano evidenziato una lesione del bicipite femorale destro, con conseguente rivalutazione dopo 10 giorni. Tuttavia, questo periodo potrebbe ridursi se si verificasse quanto sostiene Milosevic.

TREVISANI: “KRUNIC PER 38 PARTITE? MILAN, REPARTO SCADENTE”

In regia un protagonista su tre

Notizia importante, sempre in merito agli infortunati, è stata data oggi da Stefano Pioli e riguarda Ismael Bennacer. Il tecnico, nella conferenza stampa pre Milan-Lazio, ha parlato così del ritorno dell’algerino:

“Isma tonerà a metà ottobre per fare un lavoro un po’ più specifico, ma non ci sono tempi specifici. I tempi sono ancora abbastanza lunghi”.

Assenti i due principali addetti alla regia del “nuovo” Milan, domani contro i biancocelesti tornerà a vedersi Yacine Adli, alla sua prima presenza da titolare a San Siro. Dopo una buona prestazione contro il Cagliari, infatti, Pioli dovrebbe riproporlo per la seconda uscita consecutiva anche contro una squadra di livello come la Lazio. Al suo fianco, a completare il reparto dovrebbero esserci ancora una volta Ruben Loftus-Cheek e Tijjani Reijnders.

MILAN – LAZIO, PIOLI IN CONFERENZA: “REIJNDERS NON VA LIMITATO. ADLI, BENNACER, PELLEGRINO”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

krunic bosnia

Ultime news

Notizie correlate