il 10/05/2023 alle 10:33

Kjaer: “Voglio finire la carriera al Milan, l’ho sempre sognato!”

0 cuori rossoneri

Nelle ultime ore, i media danesi hanno raggiunto a Milanello Simon Kjaer per un’intervista speciale in vista del doppio confronto europeo tra Milan e Inter: il leader della difesa rossonera ha parlato del suo futuro, dell’infortunio subito e della crescita tecnica e personale.

simon kjaer

Simon Kjaer si sente ancora da Milan? Quale sarà il futuro del danese?

“E’ nella quotidianità, è nel lavoro che svolgo ogni giorno e poi ovviamente anche le partite hanno un’influenza, perché dipende da quanto bene giochi, è lì che ti misurano, ma non credo che il club abbia dubbi sul mio atteggiamento. Possono vedere quanto sono professionale, possono vedere quanto ci tengo, e ho anche cercato troppo di dire che sto pensando a molti anni nel futuro. Come ho detto l’ultima volta che mi sono infortunato, è stato nel momento più strano rispetto alla mia carriera. Ma a questo punto non vedo perché dovrei smettere nel prossimo futuro. Quando vedo che c’è sempre molto da guadagnare. Fisicamente e mentalmente. E l’intero processo. Quanto si può effettivamente guadagnare in ogni momento. Quindi è un mito che tu sia vecchio. A 34 anni non è vero che si è vecchi. È solo nella tua testa. Quando sei vecchio, è solo nella tua testa, perché il corpo sta ancora bene e mi sento bene, quindi ho ancora molti anni nel calcio. Anche al massimo livello, quindi non ho intenzione di smettere presto. Spero di restare al Milan oltre il 2024. Ci sono due parti, un allenatore e molte cose che entrano in gioco. Ma sicuramente farò la mia parte. È qui che voglio finire, è il club in cui ho sempre sognato di finire. Quindi spero anch’io di finire qui, ma non a breve”.

ULTIME NOTIZIE MILAN – PADOVAN: “NON SO CHI VINCE, MA CHI PASSA SI’! DNA MILAN? SUGGESTIONI GIORNALISTICHE…”

Simon Kjaer cosa ha imparato dall’infortunio?

“Non sono sotto stress. Una delle cose che ho imparato dall’infortunio è di vivere un giorno alla volta. Di vivere davvero. Quello che i giorni ti danno e quello che i giorni ti offrono. Possono essere belle e brutte. Ma i giorni brutti sono quelli in cui devi trovare le percentuali. Perché quei giorni sono forse più legati alla disciplina di portare a termine le cose. Quando si è motivati, ci si allena, ma è nei giorni difficili, in cui non si ha voglia di lavorare, che bisogna impegnarsi. Ed è qui la chiave secondo me ed è così che vivo la mia vita dal punto di vista calcistico. So cosa mi aspetta con l’Euroderby contro l’Inter, ma so anche cosa mi aspetta il mercoledì. So cosa mi aspetta il sabato. Se vivo in questo modo, non posso pensare al 25, al 26 e al 27. Non ne ricaverei nulla, non è qualcosa su cui ho il controllo”.

ULTIME NOTIZIE MILAN – KAKA’: “MILAN, GESTISCI LE EMOZIONI! A MALDINI E DE KETELAERE DICO CHE…”

Sulle differenze tra il Kjaer di adesso e quello di inizio carriera

“Sono due stili di vita completamente diversi. Sono due scelte diverse. Come si sceglie di vivere. Se si può trovare pace, se si può trovare gioia nel modo in cui si lavora duramente o in cui non si lavora duramente… Pensavo di lavorare sodo quando ero più giovane. Non è così. Quindi c’è sempre qualcosa che si può cambiare. C’è sempre qualcosa che si può fare per migliorare. Ed è anche questo che mi spinge. Penso che sia bello. Voglio dire, i giorni in cui soffri e queste cose, la sensazione che hai quando torni a casa è che sia stato un buon allenamento e che hai fatto quello che dovevi fare. Poi ti svegli il giorno dopo e sei piuttosto distrutto, e devi rifarlo, ma mi piace il processo che c’è dietro”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

simon kjaer

NOTIZIE MILAN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *