Juventus-Milan Primavera 0-1, Camarda trascinatore: -1 dai playoff

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Arriva il terzo successo consecutivo per il Milan Primavera, che batte la Juventus grazie al solito Francesco Camarda

Real Madrid, Lazio e ora Juventus: proseguo il filotto del Milan Primavera di Ignazio Abate, che si impone a Vinovo per 1-0. A decidere il match è il solito Francesco Camarda, con l’incornata vincente al quarto d’ora. I rossoneri restano così al settimo posto in classifica, ma ampiamente agganciati al treno playoff (prime 6 posizioni). Sassuolo e Torino al quinto e sesto posto, infatti, distano un solo punto.

Il resoconto

Il primo tempo è decisamente a tinte rossonere. I ragazzi Ignazio Abate approcciano subito bene il match e costringono i padroni di casa a chiudersi nella propria trequarti. Il Milan fa valere gli 8 punti di vantaggio in classifica e mette ale strette la Juventus, passando in vantaggio sugli sviluppi di un corner. Dopo una spizzata sul primo palo, il solito Francesco Camarda si fionda sul pallone e batte Vinarcik. Dopo i primi 45 minuti, l’unico rammarico rossonero è il punteggio, fin troppo stringato epr ciò che si è visto in campo.

Nella ripresa cambia sensibilmente la musica. I bianconeri cambiano completamente l’approccio e partono subito forte, con l’idea di rimontare lo svantaggio. A differenza del monologo della prima frazione, nei secondi 45 minuti la sfida è decisamente più equilibrata. La Juventus prova a creare occasioni, ma le chance più ghiotte capitano comunque sui piedi dei rossoneri. Una buona dose di imprecisione, però, impedisce ai rossoneri di chiudere la sfida. Nel finale aumenta il forcing dei bianconeri, ma la retroguardia del Diavolo riesce a mantenere il vantaggio e a portare a casa tre punti fondamentali.

Ultime news

Notizie correlate