Juventus-Milan, Allegri: “Dobbiamo sbagliare meno, è stato bravo Pioli”

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Finisce 0-0 la sfida dell’Allianz Stadium di Torino tra Juventus e Milan: le parole di Massimiliano Allegri nel postpartita

Termina 0-0 la sfida di Serie A tra Juventus e Milan. I rossoneri non escono dalla crisi, ma portano a casa un punto fondamentale in ottica secondo posto in classifica, con i bianconeri che restano distanti 5 punti. Nel primo tempo le due squadre si studiano, senza creare particolari occasioni da rete ma con molte situazioni potenzialmente pericolose. Nella ripresa, poi, sale di colpi la Juventus, che prova a più riprese a spaventare la retroguardia rossonera. Questo dà la possibilità alla difesa meneghina di mettersi in mostra, con un Gabbia nuovamente sugli scudi, un Thiaw forse ritrovato al top della condizione e uno Sportiello pressoche perfetto questa sera. Male, invece, il reparto offensivo rossonero, che non mette praticamente mai in difficoltà la difesa bianconera e non chiama mai Szczesny all’intervento. Al termine della sfida tra Juventus e Milan, l’allenatore dei bianconeri Massimiliano Allegri è intervenuto ai microfoni di DAZN.

Le parole di Allegri

Sul cambio di Vlahovic: “Scelta tecnica. Dusan ha fatto bene, ma veniva da tante partite. In quel momento avevo bisogno di gente fresca davanti, il Milan stava alzando il baricentro. È stato molto bravo Pioli perchè, quando ho messo Chiesa, ha invertito i terzini mettendo Florenzi a destra su di lui e inserendo il ragazzo alto (Bartesaghi ndr) a sinistra, che tra l’altro ha disturbato McKennie su due cross che potevano essere favorevoli”.

Sulla partita: “Quando vinci vai a casa con un sapore diverso. In questo girone di ritorno abbiamo perso molti punti creando tante occasioni da gol. Dobbiamo sbagliare di meno e migliorare, ma ci stiamo lavorando”.

Ultime news

Notizie correlate