Juventus, Allegri sbotta: “Basta, è uno stillicidio! Non sono un vigliacco e dico che…”

0 cuori rossoneri

Alza la voce Massimiliano Allegri dopo la sconfitta della Juventus sul campo dell’Empoli per 4-1, arrivata pochi minuti dopo la decisione della Corte d’Appello della conferma della penalizzazione di 10 punti alla società bianconera in classifica. Ai microfoni di DAZN, Allegri ha sfogato la rabbia di una stagione molto, molto difficile.

allegri empoli juventus penalizzazione

Allegri su Empoli-Juventus 4-1

“Racchiudere la partita e la stagione in una serata come questa è riduttivo. Non troviamo alibi, dobbiamo stringerci ancora di più e abbiamo 6 punti in palio e domenica c’è il Milan. È stata una situazione strana, prima della partita è arrivata la sentenza. Avevamo iniziato bene, poi abbiamo preso i due gol, potevamo accorciare. Questo non giustifica il crollo mentale. Si può parlare di tante cose, ma dobbiamo stare zitti, accettare la sconfitta. Prima della partita da secondi in classifica poi ci siamo ritrovati 10 punti sotto. È andata così ma ai ragazzi non c’è da rimproverare niente. Non sarà facile nei prossimi 10 giorni: il rimbalzo da Siviglia, oggi ti tolgono 10 punti. Non sono giustificazioni ma la situazione è anomale…”.

Sull’impegno della squadra e sulle difficoltà del momento

“I ragazzi hanno fatto tutto il possibile. Stasera era una partita che ci poteva permettere di giocarci col Milan l’entrata in Champions ma è da gennaio che giochiamo queste partite. Poi vai a Siviglia e vieni eliminato ai supplementari, normale ci sia un crollo mentale. Dobbiamo fare 6 punti per raggiungere quelle davanti. I ragazzi hanno fatto il massimo di quello che potevano fare. Saranno 10 giorni pesanti, le energie è normale che vengano a mancare perché è stata una situazione surreale. L’aspetto psicologico è fondamentale. Un quarto d’ora prima della partita eravamo secondi, poi ci siamo trovati con -10. Un conto è giocare una partita da secondi, un altro è che ci ributtano di sotto ogni volta che mettiamo la testa fuori. I ragazzi ieri in allenamento erano vuoti, ero preoccupato per la partita di stasera”.

ULTIME NOTIZIE MILAN – JOLLY DALLA SERIE B PER IL CALCIOMERCATO? IL MILAN CI PENSA: COSTA 10 MILIONI

Allegri sbotta nel finale dell’intervento a DAZN dopo Empoli-Juventus

“Bisogna parlare con la società e sapere dove si gioca. Se si dovesse arrivare in Europa League, se ce la faranno giocare, poi da lì si parte. Se sei fuori da tutto, bisogna fare un programma. Magari riusciremo subito a vincere l’anno prossimo, ma dovremo essere allineati sulle difficoltà. Abbandonare la Juventus in questo momento sarebbe da vigliacchi. Sono deluso, ma è stato tutto un rincorrere. È stata una fatica enorme, alla squadra non ho da rimproverare niente. In questo momento dobbiamo stare fermi, avere la forza di stare zitti. Ma ci tengo a dire che la Juventus sul campo è seconda in classifica. I ragazzi non sono dei robot. Accettiamo tutto. Non da allenatore, ma da persona che finisca questa storia. Decidano dove la Juve deve stare e ce lo dicano. È uno stillicidio, una mancanza di rispetto per la gente che lavoro. È incredibile, a questo punto basta”.

Da dove si deve ripartire?

“Dopo tanto buio ci deve essere la luce, prima di stasera eravamo la miglior difesa del campionato. Quest’anno ci manca qualcosa davanti. Come sempre la Juventus si rialzerà, speriamo di ripartire sapendo che non ci saranno più tutte queste problematiche perché è qualcosa che ti manda fuori di testa sul piano psicologico. Era meglio se succedeva due mesi fa altrimenti sapevamo di che morte morire”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

 

allegri empoli juventus penalizzazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Radio Rossonera Live

live