Laporta: “La sentenza Superlega sarà importante come la Bosman”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Il presidente del Barcellona Joan Laporta ai microfoni di Barca TV ha parlato della questione Superlega dopo il parere non vincolante dell’Avvocatura generale della Corte di Giustizia dell’Unione Europea. La scorsa settimana l’avvocato generale Athanasios Rantos ha dato ragione alle posizioni di Uefa e FIFA.

 

LEGGI QUI COLPO ALLA SUPERLEGA, L’AVVOCATURA GENERALE LEGITTIMA UEFA E FIFA

 Laporta ha parlato delle ragioni della “scommessa” Superlega: “Ci scommettiamo perché dobbiamo riformare il modo in cui funziona il calcio europeo. La Premier passerà da 5.000 milioni di euro a 7.000, La Liga passerà da 2.000 a 1.700: questa cosa rende più difficile la competitività. Noi competiamo perché abbiamo forza e un storia, ma gli inglesi hanno sempre più risorse: questa cosa deve cambiare”.

Joan Laporta ha sottolineato l’importanza della sentenza che arriverà dalla Corte di Giustizia UE nel mese di aprile: “In primavera il Lussemburgo si pronuncerà e spero che sarà a favore dei club e della libera concorrenza europea. Stiamo lavorando per cambiare il modello di governance, penso che la sentenza avrà un’importanza simile a quella che ebbe la Bosman all’epoca. Questo non significa che i giocatori non continueranno ad avere un lavoro molto ben retribuito, ma ora anche i club hanno bisogno di questo supporto”. Il presidente blaugrana si è espresso anche sul dilemma tra competizione insieme alla Uefa o da soli: ” La UEFA dovrebbe essere al tavolo della governance con noi. In caso contrario, potremmo trovare un Paese al di fuori dell’UE che viene a organizzare un torneo. Cerco sempre di incoraggiare il dialogo, anche con chi la pensa diversamente da me. Il dialogo può ancora esserci”.

Laporta ha stimato anche le tempistiche per eventualmente arrivare alla partenza della Superlega: “Siamo aperti a parlarne. È essenziale per la sostenibilità dei club di calcio. Probabilmente tra un paio d’anni potrebbe già essere realtà”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Joan Laporta Barcellona

 

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate