Zeman: “Lo scudetto? Lo ha perso il Napoli, era la squadra favorita”

0 cuori rossoneri

Intervistato dal Corriere della Sera, l’allenatore del Foggia Zdenek Zeman ha dato una lettura particolare della stagione appena conclusa.

Maestro, così come la chiamano i suoi ragazzi, si è divertito da spettatore di questa serie A decisa negli ultimi 90 minuti?
«Dopo tanti anni si è vissuto un campionato incerto. A un certo punto sembrava che non lo volesse vincere nessuno».

Alla fine ha vinto la squadra che lo ha meritato di più?
«Chi fa più punti ha sempre ragione. Il Milan è uscito meglio alla distanza».

Non pensa che l’Inter lo abbia buttato al vento nel recupero di Bologna?
«Risultati come Bologna-Inter li hanno avuti anche Milan e Napoli. Penso che debba rammaricarsi più il Napoli che l’Inter per l’occasione persa».

Perché?
«Era la squadra favorita. Di partite come quella che ha fatto l’Inter a Bologna il Napoli ne ha sbagliate tre, in casa e consecutivamente (Atalanta, Empoli e Spezia, ndr)».

Dopo dieci anni la Juventus ha chiuso senza titoli…
«Ha pesato la falsa partenza. Se non investi poi è difficile raccogliere».

Ora ha liberato Dybala. Il Napoli potrebbe vendere Osimhen, come fece un anno fa l’Inter con Lukaku. Dove sta andando il calcio italiano?
«Il calcio ha grossi problemi economici. E le società vendono i migliori giocatori».

Così, però, aumenta la distanza con il calcio inglese e spagnolo.
«Con la Premier League la serie A non può competere, sia perle entrate che per gli azionisti delle società inglesi. Ma la Spagna ha gli stessi problemi dell’Italia».

A volte, però, anche i soci forti non bastano: il Manchester City di Guardiola vedrà in tv la finale di Champions Real-Liverpool.
«Nella sfide secche può capitare di essere eliminati pur giocando meglio. Ma Guardiola resta il miglior allenatore d’Europa».

Leggi QUI anche “Il Milan vuole blindare Leao: la forbice tra offerta e richiesta”

E che cosa pensa di Mancini che dall’altare degli Europei vinti è passato alla polvere dell’eliminazione mondiale in pochi mesi?
«Ha cominciato molto bene la sua avventura in Nazionale, culminata con la vittoria agli Europei. Certo, pesa la mancata qualificazione ai Mondiali che, però, è legata a due rigori sbagliati, non dimentichiamolo».

Anche agli Europei ha vinto ai rigori.
«Infatti il giudizio positivo su Mancini va oltre la vittoria: ha fatto un buon lavoro e lanciato molti giovani».

La vittoria azzurra di Wembley è arrivata inattesa: fra quanti anni una squadra italiana potrà tornare a vincere la Champions?
«La speranza c’è: l’Inter quest’anno ha vinto a Liverpool. Nelle partite secche non è come in campionato, conta anche la fortuna».

Vuole dire che sarebbe favorevole a un torneo tra grandi d’Europa, la Superlega?
«No, perché alla gente non piacerebbe. Alla gente continuano a piacere i campionati nazionali, come dimostrano anche gli stadi di nuovo pieni».

E torniamo al nostro campionato, allora. Tra Pioli e Inzaghi chi preferisce?
«L’allenatore che mi piace di più in serie A, come mentalità, è Italiano della Fiorentina».

Che non ha lottato per lo scudetto. Come succedeva a lei quando non c’era la Var. Adesso che c’è, lei è in C e la Var si ferma alla B. Le piacerebbe allenare senza errori arbitrali?
«Tendenzialmente dovrei essere contrario alla Var, perché a me piace un calcio più umano dove sbagliano sia i calciatori che gli arbitri. Però c’è stato un periodo in cui il calcio non era umano, perché gli errori arbitrali non erano per tutti. E allora dico benvenuta alla Var».

Si chiede mai che carriera avrebbe fatto se non avesse criticato per primo il «sistema» che poi venne certificato da Calciopoli?
«Rifarei tutto, per il bene del calcio. Non so quale sarebbe stata la mia carriera se non lo avessi fatto; so, però, che nel mio secondo anno alla Roma arrivammo quinti con 21 punti sottratti per errori arbitrali».

Avrebbe vinto lo scudetto?
«Non lo so, faccia i calcoli…».

Sì, 75 punti contro i 70 del Milan. Si spiega così che Lazio e Roma hanno vinto lo scudetto solo dopo aver cambiato tecnico?
«All’epoca non ero accettato dal sistema. Per lo meno in Italia. In quegli anni mi cercarono Real Madrid e Barcellona ma avevo un impegno morale con la Roma».

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live