Vieri: “Leao uomo derby per il Milan, è difficilissimo da leggere”

0 cuori rossoneri

Altra intervista a un doppio ex del derby. Tocca a Christian Vieri: il bomber spiega in nove punti il suo derby sulle colonne della Gazzetta dello Sport.

1 – Il peso del derby
“Inter e Milan giocheranno senza fare calcoli: se l’Inter vince taglia fuori il Milan dalla corsa scudetto, se vince il Milan torna in corsa alla grande e poi può succedere di tutto. A 15-16 partite dalla fine i calcoli non li fai.”

2 – Il centravanti dell’Inter
“Dzeko lo chiamo lavatrice: segna, fa segnare, ha grande tecnica, piedi morbidi, tempi perfetti per accompagnare la squadra. Si vede che ha intelligenza calcistica nel vedere prima l’azione e capire la posizione giusta per far fare alla squadra la giocata migliore.”

3 – Centravanti Milan
“Se Ibra ce la fa e gioca è meglio per il Milan: qualcosa in più può sempre inventare, soprattutto se gli arrivano i palloni giusti. Se non ce la fa gioca Giroud, un altro che aiuta la squadra ma il modo diverso. Meno qualità tecnica, più movimenti e colpi da centravanti puro: con lui servono cross dalle fasce, nel gioco aereo è un martello. Se l’esperienza si potesse vendere, Giroud sarebbe ricco.”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

4 – Uomo derby Inter
“Se dai uno spazio a Lautaro Martinez, lo vedi che gli vengono gli occhi da killer. E sai che potresti aver fatto un errore imperdonabile.”

5 – Uomo derby Milan
“Dico Leao, perché ho un debole per lui: giocava poco, ma avevo già visto qualcosa di speciale. Dico Leao perché ha anzitutto il dono dell’imprevedibilità e un derby si vince anche grazie ad un episodio. Ha una velocità impressionante e dunque è difficilissimo da leggere e da marcare: come fai a prendergli le misure se non sai mai dov’è, dove va, e non fa quasi mai la stessa giocata?”

6 – Le due panchine
“Possono piacere o no, ma con cinque sostituzioni cambi praticamente mezza squadra: in una partita equilibrata come credo sarà questo derby poter far entrare gente fresca avrà un impatto forse addirittura decisivo. Il Milan in questo è però più corto, ma anche Pioli ha i cambi che possono bastargli a gestire la partita. Averne meno significa comunque doverseli giocare bene, senza sbagliare scelte e momenti.”

Segui Inter-Milan live e in esclusiva su DAZN. Attiva Ora!

7 – Il derby mercato
“Più che giudicare chi ha fatto meglio o peggio, è corretto dire che Inter e Milan hanno avuto due strategie diverse. Nell’immediato l’Inter ha fatto sicuramente di più, ma il Milan ha scelto la coerenza con il progetto: non dire per forza oggi, ma saper dire anche domani.”

8 – Vista da Inzaghi
“L’Inter giocherà come al solito, cambiare in funzione dell’avversario può diventare una debolezza.”

9 – Vista da Pioli
“Quando ha tutti il Milan gioca un bel calcio offensivo e tanto più lo farà in questo derby. Deve vincere e giocherà per vincere: difendendo in dieci, ma anche attaccando in dieci. Sulle fasce, anzitutto: Theo non è un terzino, è un’ala che corre per 10-15 chilometri a partita e quando si ferma lui c’è Calabria dal’altra parte. Tonali ha fatto il passo che serviva: oggi dà i tempi al Milan tra lettura del lungo-corto, cambi di gioco e personalità. Quella che non ha mai avuto Kessié: giocatore di peso, se c’è o non c’è si sente. Trequartista nel derby? Nel caso, non solo per limitare Brozovic ma anche per attaccarlo: sarà la dimostrazione che il Milan non aspetterà l’Inter perché non se lo può permettere.”

-Leggi QUI anche: “Di Canio: con Ibrahimovic il Milan ha un problema”-

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live