Tomori: “Ecco cosa ho detto a Leao quando sono arrivato. Su Ibra…”

0 cuori rossoneri

Fikayo Tomori è stato uno delle pedine fondamentali dello scudetto del Milan, guidandolo ad essere la miglior difesa.

Il giocatore inglese ha rilasciato una lunga intervista a The Athletic, ripercorrendo la stagione, soffermandosi su alcuni suoi compagni e aneddoti:

Sulla medaglia: “Sono riuscito a tenerla, si può vedere il cinturino un po’ consumato dalla gente che cercava di prenderla. C’era mio padre e ci ha pensato lui a custodirla”.

Aneddoto legato a Bakayoko: “Ho scommesso con lui che se avessimo vinto lo scudetto mi sarei tinto i capelli di biondo, quindi dovrò fare anche quello”.

Leggi QUI – Galliani: “La promozione con il Monza meglio che la Champions con il Milan”

Sul calore dei tifosi: “Quando sono arrivato c’era il Covid quindi non l’ho vissuta appieno. Mi aveva detto chi ci ha giocato che fosse pazzesca, questa stagione l’ho provata sulla mia pelle, è indescrivibile. Non me la dimenticherò mai”.

Su Leao: “In allenamento non diresti che è così elettrico, gli piace giocare. Ma in partita è semplicemente pazzesco, quando sono arrivato gli ho detto: “Non sai quanto sei forte”. Ha tutto: velocità, driblling, è alto. Si è meritato il titolo di miglior giocatore della Serie A, ha fatto la differenza”.

Su Ibra: “Nello spogliatoio dopo il primo tempo di Sassuolo Milan continuava a dire: “Non è finita!”. Eravamo avanti 3-0 ma lui andava avanti: “Ci sono ancora 45 minuti”.

photocredit: acmilan.com

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live