Setti: “Scudetto? Il cuore dice Pioli, la testa invece…”

0 cuori rossoneri

Il presidente del Verona Maurizio Setti, in carica dal 2012, è stato intervistato dalla Gazzetta dello Sport: la sua squadra deve ancora affrontare Inter e Milan.

Sulla attuale stagione di A
“Credo che questa stagione sia la prima o la seconda, dopo il debutto in A, più bella della mia gestione. Come organizzazione di gioco, spettacolarità e risultati, di certo è la squadra più bella. Siamo molto contenti perché l’obiettivo l’abbiamo raggiunto molto prima della fine”.

Ora affrontate l’Inter a cui Ilic ha già fatto 2 gol: il Verona dei record sente aria di colpaccio?
“Nelle ultime sfide a San Siro siamo stati sfortunati, potevamo prenderci qualche punto. Noi ci andiamo con l’idea di fare una gara importante. Loro sono i campioni d’Italia e avranno lo stadio pieno: questo ci piace, ma di certo non tremeremo, non abbiamo nulla da perdere”.

-Leggi QUI anche “Il Milan al lavoro per il nuovo FPF: quota all’84,6%, ma che differenza con Juventus ed Inter”-

Loro sì. Potete essere arbitri dello scudetto, visto che poi incontrate il Milan. Chi lo vince?
“A luglio dissi Napoli. Per me è il più forte nei primi 13-14 giocatori e questo poteva essere l’handicap, ma ha contenuto le tante assenze durante la stagione. Invece c’è la sorpresa e il piacere di vedere il Milan davanti per Pioli, che ho avuto a Bologna e che mi piace per caratteristiche sia umane che di lavoro. L’Inter è campione e ha l’organico più completo. Ma deve vincerle tutte e se già perde punti con noi si fa dura. Sarà lotta fino alla fine ma io vedo quell’ordine lì: Napoli, Milan, Inter”.

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live