Sconcerti: “Vincere coi giovani come ha fatto il Milan può succedere ma non deve essere una regola”

0 cuori rossoneri

Mario Sconcerti è intervenuto parlando dei giovani nel calcio di oggi sulla sua classica rubrica su calciomercato.com.

“Stiamo equivocando sui giovani. Una cosa è dire che devono giocare di più, altro è pensare siano necessari per vincere. Se tre squadre giocano con i giovani, una vince, le altre due perdono comunque. Essere giovani è un pregio, non per forza un vantaggio. Stessa cosa per i meno giovani, l’età è compensata dalla maturità atletica, l’esperienza del campo, la conoscenza delle partite. Non facciamoci sempre contagiare dall’ultimo risultato. Il Sassuolo è pieno di giovani bravi, ma è arrivato decimo. Più importante dell’età è il talento. E non tocca alle grandi società avere squadre con molti giovani.”

LEGGI QUI ANCHE -GATTUSO: “PER AMORE DEL MILAN HO RINUNCIATO A CINQUE MILIONI!”

“Può succedere, è successo quest’anno con il Milan, ma non è una regola. L’Inter con una squadra meno giovane, è arrivata ad appena due punti, molti pensano ancora fosse la più forte. Chi deve cercare di vincere deve scegliere il meglio, non il più giovane. La Juve non cerca Strefezza, che pure è ottimo. Cerca Di Maria e Pogba. E quando prende un giovane (Vlahovic, De Ligt) li prende a ottanta milioni perché sono giocatori fatti, non ragazzi. Il Monza di Berlusconi e Galliani ha puntato Candreva e Ranocchia. Mbappè non è bravo perché giovane, è solo un fuoriclasse. Cerchiamo misura, altrimenti sposteremo il problema, ma senza risolverlo.”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live