Sconcerti: “L’Inter è tornata normale, ma non è finita!”

0 cuori rossoneri

Nella sua rubrica Un Cappuccino con Sconcerti su calciomercato.com, il giornalista livella il rendimento delle prime della classe in Serie A.

“Dopo quasi quattro mesi il campionato cambia idea, adesso tocca all’Inter comunque inseguire. Un mese fa sembrava aver vinto il campionato, oggi i suoi conti raccontano una involuzione del gioco netta. In otto partite ha perso 5 punti dal Milan, 8 dalla Juventus, 7 dal Napoli. E’ stata la squadra che segnava di più fino alla scorsa settimana, adesso se si saltano i cinque gol segnati alla Salernitana, nelle altre sette gare è andata in porta solo 5 volte, subendo due gol in più, 7. Il capovolgimento della classifica, ancora molto acerbo nei punti ma non nella sostanza, era quindi nell’aria.”

-Leggi QUI anche “Jacobelli: BASTA! Massa e Guida avrebbero dovuto dimettersi”-

“L’Inter è arrivata al momento più duro con una convinzione minima. Ha perso la fantasia di Barella, l’estro di Calhanoglu, la differenza di Perisic e Dumfries, la presenza fisica di De Vrij. Come si parlava da tanto tempo, la parte fondamentale della squadra, centrocampo e difesa, non hanno avuto ricambi all’altezza. Adesso non è finita, non c’è una squadra più forte delle altre. Nemmeno il Milan. Ma l’Inter deve ritrovare la sua lucidità e la facilità nel segnare. Oggi è una squadra normale.”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live