Sconcerti: “Inter e Milan avanti con il minimo sindacale!”

0 cuori rossoneri

Mario Sconcerti, all’interno del Corriere della Sera, ha analizzato la sfida tra Inter e Milan di oggi. Queste alcune delle sue analisi sulla partita di stasera:

“Milan e Inter sono adesso da sole in testa alla classifica. Il Napoli è lontano, la Juve quasi non si vede più. È un buon risultato di classifica, non di forza. Inter e Milan stanno andando avanti da 13 partite con una media punti inferiori ai 2 a partita, minimo sindacale non per vincere, ma per essere considerati ancora solo competitivi. Stiamo vivendo una stagione magra, piena di cose incomplete, in fondo alla quale navigano la vecchia ricchezza dell’Inter e indubbiamente la tranquilla navigazione del fondo Elliott. Così questo è già un momento vecchio, si gioca per il meglio di ieri, domani è un nuovo giorno sconosciuto. Nessuno può dare garanzie di famiglia a nessun club, qualcuno può al massimo promettere soldi. Di solito bastano per qualche anno, poi non risolvono e lasciano davanti a interlocutori sconosciuti. Ma il calcio non è mai stato razionale. Resta solo abbagliante e un po’ inquietante giocare oggi un derby della Madonnina con un padrone cinese e uno omanita (in arrivo). Il calcio è ormai un gioco poligamo, si va avanti cercando continuamente un’altra moglie. Il dialetto resta solo nel derby, l’ultima cosa davvero fra noi, per noi. Il resto è una promessa continua, un darsi a chi ci compra. 

LEGGI QUI Milan – Con Investcorp ipotesi nuovo stadio senza l’Inter: le ultime

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live