Scanzi a RR: “Sono preoccupato, con il Genoa capiremo il nostro momento”

0 cuori rossoneri

SCANZI – Andrea Scanzi è stato ospite nella puntata di oggi di Lunch Press. Di seguito riportate le sue parole:

Il tuo commento su Milan-Sassuolo?

Zero punti in due partite è un bel disastro, sono piuttosto arrabbiato. Quando vedi che l’Inter è a un punto e il Napoli si stacca la paura c’è. Con la Fiorentina era andata bene nonostante la sconfitta. Con il Sassuolo non ha funzionato niente. Io avevo detto che sarebbe stata più importante la partita con il Sassuolo che con l’Atletico Madrid, ed è successo quello che temevo. 

Noi quasi sicuramente usciremo dalla Champions, e la partita con l’Atletico ci ha scaricato mentalmente. Abbiamo perso contro una squadra che è nettamente inferiore a noi. Inizio ad essere un pò preoccupato, domani sera capiremo se è stata una batosta di 10 giorni o se la malattia è un pò più grave del previsto. 

È stata più stanchezza mentale o presunzione?

Sicuramente c’è stato un problema mentale. Ci siamo sentiti appagati e degli idoli assoluti per aver vinto a Madrid. C’è stata una sottovalutazione e stanchezza di alcuni giocatori come Leao che non può giocare sempre, Saelemaekers è in crisi da un mese. È un concatenarsi di eventi e c’è anche un pizzico di presunzione. Io però credo soprattutto che sia il non saper gestire mentalmente i problemi. Non riusciamo a reggere sempre a livello mentale massimo. Se Mercoledì hai avuto l’apice domenica c’è stato un piccolo down.

Il Milan sta facendo una stagione straordinaria, ma Domenica per la prima volta dopo mesi mi è scattato un campanello d’allarme. ogni volta in stagione c’è una partita in cui mi viene. Anno scorso successe con lo Spezia. Domenica l’ho un pò avuto. Se l’anno scorso c’era l’Inter di Conte quest’anno secondo me ci sono più chance e quindi mi è dispiaciuto di più. 

Un commento sul settimo pallone d’oro a Messi?

Massimo rispetto per Messi, uno dei giocatori più grandi di sempre, ma non sapevo che il pallone d’oro fosse diventato un premio alla carriera. Non credo lo meriti quest’anno. Io l’avrei dato a Lewandowski che doveva vincerlo l’anno scorso. Secondo me è diventato ormai un premio per quello che hai fatto negli ultimi 10 anni. In questo senso Messi lo merita. Io l’avrei dato a Lewandowski anche per supplire alla follia di non averlo dato l’anno scorso. Messi lo merita a prescindere perchè è un fenomeno, ma quest’anno era di Lewandowski. 

Ha perso di credibilità il premio?

Ho avuto una sensazione risarcitoria con i premi consegnati a Lewandowski e al Chelsea. Lo stesso Messi era imbarazzato. Anche lui sapeva che non era giusto. È un pò di anni che ha perso di credibilità. Messi è un fenomeno ma non esiste non aver dato un pallone d’oro a Lewandowski, è una delle più grandi ingiustizie. A me piacerebbe vedere le singole votazioni e chi ha votato Messi. Chi ha votato Messi quest’anno l’anno prossimo non dovrebbe far parte della giuria. 

L’ultimo pallone d’oro meritato è quello di Sheva?

Non so se sia l’ultimo perchè comunque Messi e Ronaldo li hanno meritati. Però in quel periodo quando lo vincevano Figo, Zidane ecc erano più meritati. Ovvio anche in quel periodo hanno preso delle cantonate, Sammer, Bjelanov. Però era più credibile. Quello di Iniesta grida vendetta. 

Hai visto All or Nothing Juventus? Come ti spieghi tutte queste SerieTV sul calcio?

L’ho intravista, diciamo che non è stata una mossa geniale scegliere lo scorso anno. Da tifoso è interessante perchè vedi cosa succede nello spogliatoio, ma per la società è un grande autogol e alcuni personaggi, come Bonucci, ne escono male. Il calcio è molto popolare e le persone lo guardano a prescindere dal risultato finale. Ha un bacino di pubblico smisurato. La novità di All or Nothing è come se fosse una serie tv in diretta. The Last Dance racconta di un evento di 20 anni prima, lui è invecchiato ed è passato del tempo. La difficoltà di All or Nothing è che non sai come arriverai alla fine. Credo che sia stata più costruita nel tempo sia per motivi contrattuali sia perchè la trama non è prevedibile. Come fai a rendere bella una serie sulla Juve di Pirlo? Chi se la ricorderà tra 20 anni la Juve di Pirlo? 

E sulle plusvalenze della Juve?

Mi sono fatto l’idea che lo sapevamo già tutti. Ora se ne parla perchè secondo la giustizia ordinaria o sportiva è arrivato qualcosa che può avere una rilevanza penale. Sono tutte cose che gli addetti sapevano. Non è detto che se una cosa la sai sia lecita. Anche il messaggio “ma lo fanno tutti” è la classica difesa di chi è in difficoltà e dice queste cose. E chi se ne frega, allora li colpiamo tutti. Fu la difesa che fece Craxi durante Tangentopoli. Probabilmente era vero, ma intanto bisogna agire. Se questa cosa è diventata una prassi si colpisce la prassi, a partire dalla Juventus. Le intercettazioni sulle carte firmate per far arrivare Ronaldo non sono una cosa da poco. Non so a cosa porterà tutto questo. Leggo anche qualcuno che richiede retrocessioni e penalizzazioni. Sicuramente è un tema inquietante. 

Come commenti ciò che è successo alla giornalista Greta Beccaglia?

Questa cosa ha scandalizzato tutti ed è positivo. A me spaventa l’effetto branco, ad esempio io non credo che il giornalista in studio abbia le colpe che gli sono state attribuite. È stato sospeso, io lo trovo delirante. In diretta non era facile reagire, non ha detto “non te la prendere” per minimizzare ciò che fosse successo. Lo dice che per proteggerla. Per il resto stiamo parlando di un problema culturale, di educazione civica. È un problema ritenere che certe cose siano lecite ed è un problema ritenere lo stadio come “zona franca”. Alcuni credono che sia come un’arena dove puoi essere razzista, insultare l’avversario, fare questo tipo di cose.

A me fa anche ridere la spiegazione di questo signore, che siccome era nervoso per la partita si mette a molestare la ragazza, devi essere pazzo. Ma poi anche molte donne e alcuni politici si sono messi a minimizzare la cosa, anche Sgarbi e Feltri ieri. C’è una mentalità per cui la pacca sul sedere o è un atto goliardico o si può fare perchè la donna deve pure essere felice. Io non la penso così.

Leggi QUI le parole di Paolo Maldini a Sky

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live