Sarri: “Affronteremo il miglior Milan, ma per noi è una grande chance”

0 cuori rossoneri

Prima di Lazio-Milan di domani sera, ha parlato Maurizio Sarri in conferenza stampa. Dopo Stefano Pioli, dunque, anche l’allenatore biancoceleste ha risposto alle domande dei tanti giornalisti presenti alla vigilia del big match.

Queste le sue parole: “Non dovremo essere superficiali: affrontiamo i campioni d’Italia. Ci hanno sempre messo in difficoltà e saranno più motivati del solito. Abbiamo una grande opportunità, dobbiamo avere anche questo in testa e cercare di sfruttarla. Ma di fronte avremo il miglior Milan”.

Poi, prosegue: “Sono partite importanti che lasciano sicuramente un segno, che sia positivo o negativo. Spero che a prescindere non incida, perché si giocherà ogni tre giorni e una squadra deve sempre guardare avanti”.

Sulle differenze rispetto alla scorsa stagione: “Speriamo di essere cresciuti. Nella singola partita ce la giochiamo con tutti. L’anno scorso il Milan è stato più forte anche quando eravamo in parità. Vedremo quanto saremo migliorati”.

LEGGI QUI ANCHE: “LAZIO-MILAN, TRE INSIDIE PER DIAZ: DE KETELAERE ANCORA IN PANCHINA?”

Sarri, che scelte farà in attacco? “Dobbiamo avere più attaccanti per poter ruotare. Se giochiamo con i soliti tre per l’intero campionato, prima o poi la pagheremo… Luis Alberto è in condizione, Felipe Anderson può dare tanto da esterno e può fare bene ovunque. Le scelte saranno logiche”.

Sulle condizioni di Immobile: “Nei prossimi giorni farà altri controlli. Ci sono buone sensazioni che speriamo verranno confermate dagli esami. Il mercato non mi interessa, io domani devo giocare con il Milan campione d’Italia e devo pensare a recuperare Immobile”.

Su Milinkovic-Savic: “Ha sofferto il rientro dal Qatar. Ultimamente è più serio e meno spettacolare, ha preso la strada giusta. Se continua così, quando sarà al 100% ci darà una grandissima mano”.

Sarri parla anche di Romagnoli: “Le sue caratteristiche sono adatte per come voglio che si muova la linea difensiva. La guida con attenzione e applicazione. Sono molto contento di lui”.

Infine, l’allenatore della Lazio chiude così: “Loro sono una squadra fortissima che ha preso giovani forti. Ha potuto spendere 28 milioni per De Ketelaere: significa che possono sostenere questa difficoltà. La società ha migliorato la squadra in 3 anni, l’hanno risollevata, ma non è solo una questione economica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Radio Rossonera Live

live

EnglishGermanItalianSpanish