Sacchi: “Milan, per lo scudetto c’è una trappola da evitare”

0 cuori rossoneri

In un’analisi sulla Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi ha valutato le ambizioni scudetto del Milan: può arrivare la seconda stella?

Dove può arrivare la squadra?
«Lo scudetto è stato un capolavoro, per il modo in cui è stato costruito attraverso le idee e il gioco, e ripetersi non sarà semplice. Tuttavia, quello deve essere l’obiettivo per una squadra come il Milan. Più dei singoli conterà il collettivo, com’è stato nello scorso campionato. E sarà fondamentale evitare la trappola del successo: guai a sentirsi appagati e arrivati».

Chi è l’uomo che può fare la differenza?
«Premesso che la differenza la fa sempre il gioco e che, se la squadra non ha un gioco, anche uno come Pelé farebbe fatica, dico che mi aspetto molto da Leao. Ha tutto per esplodere definitivamente: fisico, velocità, fantasia. L’importante è che trovi continuità di rendimento all’interno della stessa partita e che non si assenti, com’è capitato in passato».

LEGGI QUI ANCHE   -DE KETELAERE-MILAN, CRESCE L’ATTESA: FAVOLA A LIETO FINE?-

Dove si può ancora migliorare?
«Tra le big il Milan è la squadra che pratica il gioco più europeo, però i ragazzi di Pioli devono imparare a stare più compatti, più corti. Non ci devono essere più di trenta metri tra l’ultimo difensore e l’ultimo attaccante: soltanto in questo modo si beneficia della sinergia tra i reparti e si può arrivare all’interiorizzazione del gioco. E poi pressing, tanto pressing: è la chiave del successo nel calcio moderno».

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live