Sacchi: “Ecco dove può migliorare il Milan di Pioli”

0 cuori rossoneri

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi ha commentato il mercato delle big e dato un consiglio al Milan per la prossima stagione.

Sacchi, l’Inter con Lukaku fa un bel salto di qualità. È d’accordo?
«D’accordissimo. Lukaku è un giocatore che sposta gli equilibri. Lo ha già fatto quando i nerazzurri hanno vinto lo scudetto, perché non dovrebbe riuscirci di nuovo?».

Che cosa le piace di Lukaku?
«È un poderoso, ha forza fisica, difende benissimo il pallone e sa attaccare gli spazi».

Difetti?
«Pochi, pochissimi, anche se io sono convinto che tutti possiamo sempre migliorare. Ecco, Lukaku dovrebbe essere più partecipe in fase difensiva e magari, per essere ancora più decisivo, ricevere il pallone più vicino all’area avversaria. Ma nell’uno contro uno è micidiale: non lo fermi mai».

Il suo ritorno lancia l’Inter in pole-position per lo scudetto?
«È certamente la squadra con gli elementi di maggiore qualità, però abbiamo visto che il Milan l’ha superata grazie allo spirito di gruppo e all’entusiasmo. Il ritorno di Lukaku è importante prima di tutto perché lo desiderava il giocatore dopo un’annata non particolarmente felice. Lui è una persona seria, è ancora abbastanza giovane, ha energie da spendere e l’Inter potrà giovarsi parecchio di questo amico ritrovato».

LEGGI QUI ANCHE -COLOMBO RIMANE IN SERIE A: VICINISSIMO AL PRESTITO IN UNA NEOPROMOSSA!-

Però non ci sarà più Perisic.
«Verissimo, e Perisic nello scorso campionato è stato devastante. Ma hanno preso Gosens: giocatore formidabile, se ha superato il grave infortunio, micidiale anche sotto porta. Diverso da Perisic, però utile allo stesso modo. E io vi confesso che, se possibile, terrei anche Dzeko: è un attaccante con caratteristiche differenti da quelle di Lukaku e Lautaro e può aiutare in certe partite».

Il Milan, che fa una politica di mercato completamente diversa, ha puntato su Origi. Che ne pensa?
«Il Milan ha dimostrato che il collettivo è sempre vincente sul singolo. Il miglior acquisto per i rossoneri è riuscire ad avere quella motivazione e quello spirito di squadra che hanno consentito loro di conquistare lo scudetto. Devono essere bravi a superare la precarietà del successo e a porsi dei traguardi per migliorare. Gioco, stile e collettivo: queste sono le tre parole-chiave per il Milan, al di là dell’acquisto di Origi o di altri».

In cosa devono migliorare?
«Pioli è bravissimo e ha fatto passi enormi verso un calcio di strategia. Deve mettere da parte ancora qualche tatticismo e poi perfezionare il pressing, il possesso e i movimenti senza palla. Se riusciranno, ci sarà da divertirsi anche quest’anno».

La Juve è sempre in attesa di Di Maria, e poi ha Vlahovic e ci sarà il ritorno di Chiesa.
«La Juve è la classica squadra italiana basata sulla tattica e sulle qualità dei singoli. Il gioco loro lo affidano al singolo, e per questa ragione credo che, pensando al calcio del futuro, i bianconeri siano un po’ indietro. Però, dopo un’annata non positiva, sono certo che ritroveranno quello spirito battagliero che li ha sempre caratterizzati. Sono forti fisicamente e hanno uomini di alta qualità che possono aiutare a raggiungere il risultato».

Di Maria s’inserisce bene nei meccanismi?
«È un campione, con grande esperienza internazionale. A livello offensivo la Juve continuerà ad affidarsi alle invenzioni dei singoli e dunque più ce ne sono e per loro meglio è. Le grandi squadre europee, tuttavia, e penso soprattutto a City, Liverpool, Chelsea, Real Madrid, non badano così tanto ai tatticismi. Anzi: non ne fanno. Tengono ritmi alti, pressano, corrono. Questa è la strada da seguire».

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live