Pioli: “La squadra è concentrata e convinta. Il passato non deve ossessionarci. Che soddisfazione vedere i tifosi felici. Una passione che può farci molto bene”

0 cuori rossoneri

Domani sera andrà in scena a San Siro alle 20.45, l‘anticipo della 29esima giornata di Serie A tra Milan ed Empoli. Il mister Stefano Pioli, alla vigilia del match contro i toscani, a parlato nella consueta conferenza stampa a Milanello. Ecco le sue parole partendo dall’entusiasmo dei tifosi: “Credo che la soddisfazione più bella che possiamo avere è vederli felici, quando ci riusciamo siamo soddisfatti. La loro passione ci può fare molto bene e siamo contenti di trovarli anche domani sera”.

L’umore dell’ambiente squadra dopo la vittoria contro il Napoli:

“Soddisfatti della prestazione sì, ma l’ultimo gradino no: l’ultimo gradino sarà la prossima. Dobbiamo rimanere attaccati al presente e alla quotidianità. Ho visto una squadra concentrata che si è preparata molto bene”.

Le difficoltà e la media punti contro le piccole:

“Non dobbiamo farci ossessionare dal nostro passato, ma pensare che ogni partita è diversa dalle altre. Dobbiamo giocare con continuità, qualità e ritmo per far emergere le nostre caratteristiche”.

Dopo l’eliminazione dalla Champions, cosa cambia nel testa a testa con l’Inter:

“La settimana è stata contraddistinta dal nostro lavoro e non dalle altre partite. Saranno 10 partite molto tirate, le prime 5 del campionato cercheranno di fare più punti possibili, sarà una lotta serrata. Noi dobbiamo concentrarci sulla prossima e dare il massimo”.

L’aspettativa per queste ultime 10 partite:

“Difficile fare previsioni, è stato un campionato particolare: nessuno è riuscito ad allungare. Continuo a pensare che le prime 5 sono squadre molto forti che potrebbero fare una striscia di vittorie consecutive, il campionato italiano è molto difficile”.

La Juve è una rivale temibile:

“A me fa paura l’Empoli domani. Abbiamo visto la partita dell’andata, ci hanno creato difficoltà e abbiamo bisogno di giocare bene”.

L’importanza di vincere a prescindere dal come:

“Sì, ma credo che giocare bene ti aiuta a vincere. Tutti i campionati si lottano e vincono con le partite sporche, le partite vanno sofferte e lottate. Dovremo essere umili e credere nelle nostre qualità”.

Rimanere in testa può essere un peso psicologico:

“Io vedo una squadra determinata, convinta e con la serenità necessaria per affrontare questo finale di campionato. Sapremo affrontare le partite con la giusta concentrazione e determinazione”.

Un giudizio su Real Madrid-PSG:

“Partita di livello con grandissimi giocatori, è la dimostrazione che in una partita ci possono essere più partite. Le squadre che riescono a viverle con più determinazione e attenzione hanno più possibilità di vittoria”.

L’importanza del lavoro fisico:

“Quando abbiamo avuto il periodo che abbiamo giocato tanto la settimana la passavi solo a recuperare energie, ora la settimana la passiamo anche a lavorare bene le partite. Per qualcuno ci sarà da lavorare di meno, altri di più, bisognerà essere bravi a gestire le situazioni individuali”.

Quanto è importante la partita di domani:

“Non c’è stato bisogno del mio intervento per far capire quanto è importante la sfida di domani. L’esperienza del passato è stata utile, ma è inutile continuare a guardare al passato”. 

La migliore qualità di Giroud:

“Di Olivier mi piace tutto, di come gioca per la squadra, sa lavorare in pressione, sa venire a giocare per smistare, sa attaccare la profondità e mi piace soprattutto la persona che è, molto determinata e serena, una persona con cui è un piacere lavorare”.

Sulla possibilità di un cambio di modulo e il passaggio al 4-3-3:

“Non è stata la prima volta che l’abbiamo fatto, prepariamo ogni partita per avere dei vantaggi e sono situazioni che posso effettuare perché ho la fortuna di avere giocatori molto disponibili e mi aiuta molto a preparare le partite”.

L’importanza di Ibrahimovic:

“Zlatan dà tutto e tanto alla squadra in tutto quello che fa, per il suo carisma, per la sua qualità, per il giocatore intelligente che è in campo: sa quando riempire l’area e quando no. Sta un pochettino meglio, ci darà un grande supporto”.

Leggi QUI – Le nuove regole per il Pallone d’Oro

La capacità di Maignan di giocare con i piedi: 

“Il giocatore che è in possesso palla è più o meno bravo in base ai movimenti dei compagni senza palla. Gli avversari ormai ci conoscono bene, è importante dare soluzioni con i movimenti. Mike sta sfruttando al meglio tutte le sue qualità, sia col gioco corto che lungo”.

Sul possibile riposo di Tonali domani:

“Tonali sta bene come stanno bene Kessie, Bennacer e Diaz. Giochiamo in 11, sapete quanto è importante avere caratteristiche diverse in panchina. Sono molto fiducioso perché abbiamo i giocatori adatti per cominciare la partita e per avere soluzioni a partita in corso”.

Romagnoli e Kalulu come pensa di scegliere:

“Tecnica, cerco di schierare la formazione migliore. Chi riterrò migliore tra i due lo schiererò dall’inizio. Alessio sta bene dopo l’infortunio, chi comincerà lo vedremo domani”.

Domani Florenzi al posto di Theo:

“Florenzi con la Sampdoria mi era piaciuto molto, al momento preferirei Calabria a destra e Florenzi a sinistra. Vedremo domani”.

Che squadra è l’Empoli:

 “L’Empoli è una squadra molto tecnica e dinamica, non è facile giocare contro un centrocampo che ha due vertici. La nostra squadra sa l’importanza della partita ed è concentrata, da questo punto di vista credo che arriveremo bene a questa partita”.

Un commento sul talento Bajrami:

“È una squadra imprevedibile, che ama gli inserimenti dei centrocampisti. La qualità dei singoli ci sono. Sono partiti con l’obiettivo di salvarsi, sono molto vicini e bisogna fare i complimenti ad Andreazzoli per il lavoro svolto”.

Il suo tratto distintivo nel lavoro con il Milan:

“L’entusiasmo che questo ambiente mi ha dato e l’entusiasmo che ho nell’approcciarmi ai miei giocatori: dobbiamo essere una squadra che ha bisogno di emozione, abbiamo bisogno di sentire qualcosa dentro”.

Se si aspetta un Empoli propositivo o compatto:

 “Credo che con noi all’andato abbiano fatto un’ottima partita. Poi il percorso può cambiare, non so che scelte faranno: aspettiamoci entrambe le cose”.

L’importanza di Florenzi:

“Fa parte di quei giocatori come Giroud, kjaer, Zlatan che hanno vinto. Hanno personalità, carattere e che sono esempi per il gruppo”.

 

 

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live