Pioli: “Non sappiamo difendere bassi, siamo nati per attaccare”

0 cuori rossoneri

Interviste – Al termine della gara contro il Cagliari, l’allenatore del Milan Stefano Pioli ha commentato il match.

Ai microfoni di Sky, il tecnico rossonero ha giudicato così la vittoria: “Vittoria importante perché a questo punto tutte le partite sono un crocevia importante e difficile. La squadra mi è piaciuta, abbiamo giocato con qualità ed intensità contro un avversario difficile”.

Milan di sostanza: “E’ la strada per il paradiso calcistico? La strada migliore sarebbe chiudere le partite, ma senza palla lavoriamo con generosità e sacrificio. Virtù che dobbiamo portare avanti”.

Leggi QUI le pagelle della partita

Sulle ricorrenze: “Noi sappiamo che stiamo facendo ottime cose ma sappiamo anche che in 4 possiamo vincere lo scudetto. Nella sosta dobbiamo recuperare energie. Scaramantico? Queste cose sono giornalistiche, mancano tante partite ed è inutile parlare della fine. Il nostro percorso è sicuramente positivo, ma non andiamo oltre”.

Calabria e Theo mezzali: “Ho la fortuna di avere due giocatori molto intelligenti che sanno leggere gli spazi. Loro erano molto aggressivi sulle fasce e noi potevamo avere più spazio dentro rispetto che fuori. Abbiamo mosso anche bene la palla. Con giocatori attenti e disponibili tutto è più facile”.

Sull’atteggiamento propositivo anche dopo il gol: “Era ciò che ci mancava nelle ultime partite. Una volta sbloccata abbiamo provato a gestirle, ma noi siamo nati per attaccare e per farlo continuità, senza farci condizionare dal risultato. La squadra oggi mi è piaciuta molto”.

Sul gioco della squadra: “Quando abbiamo smesso di andare all’attacco hanno avuto più opportunità. Non siamo una squadra capace di difendere bassi, ai miei giocatori piace questo tipo di calcio e stasera l’abbiamo fatto con la qualità necessaria”.

Il Milan non dipende da un singolo, ma a Pioli preoccupa lo spreco di occasioni? “Bisogna riproporre queste situazioni anche in allenamento. Servono sempre due caratteristiche: qualità e determinazione. Dobbiamo essere ancora più qualitativi dal punto di vista tecnico. Perché poi rischi un pareggio che non meritavi di prendere”.

Sulla rissa finale: “Frasi razziste? Mike mi ha riferito così. Dice che dietro la porta lo avevano insultato e dispiace sempre per queste cose. E’ un bravo ragazzo, lui come nessun altro meriterebbe questi insulti. Sono cose che non dovrebbero mai accadere”.

photocredits: acmilan.com

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live