Pioli: “Lotte salvezza ed esoneri mi hanno aiutato. Stop Mondiale? Lo gestiremo così”

0 cuori rossoneri

5 Common Cat Behaviours And What Th...
5 Common Cat Behaviours And What They Mean

Stefano Pioli è stato ieri ospite dell’Università degli Studi di Milano. Tra l’entusiasmo dei presenti, ha risposto ad alcune domande degli studenti in aula.

Innanzitutto, esordisce: “È un piacere e un onore essere qui. Da giovane non ne ho avuto la possibilità o forse non me la sono meritata. L’esperienza mi ha permesso di adattarmi alla crescita del calcio, è stato un percorso lungo ma necessario per capire tante cose. Tutte le esperienze che ho fatto mi sono servite di arrivare fino a qui, ma devo farne ancora tante. Alla Salernitana avevo portato solo una persona come me, ora ho uno staff di 12-13 persone”.

Mister Pioli parla poi di Davide Astori: “L’esperienza vissuta con la morte di Astori ci ha toccato veramente. Mi ha migliorato come allenatore, nel senso di vicinanza: ho sentito il bisogno di stare vicino ai miei giocatori, nessuno poteva prevederla. Li ho conosciuti e apprezzati ancor di più rispetto a quello che pensavo prima. Ascoltarli e parlare con loro è molto importante per il nostro lavoro”.

Sulla cavalcata che ha portato allo Scudetto“Per la rinascita del Milan è stato importante il club, abbiamo avuto a disposizione un gruppo giovanissimo. Loro hanno bisogno di esempi e noi abbiamo cercato di esserlo in professionalità lavorando al meglio e con una determinazione importante”.

LEGGI QUI LE PAROLE DEL CT DEL BELGIO MARTINEZ SU DE KETELAERE

Approfondisce, poi, il tema dei giovani: “È un tema che andrebbe sviluppato più in profondità: quando faccio la formazione non sto a vedere la carta d’identità. Dev’essere il club, il settore giovanile a determinare una cultura. All’estero ci sono rose in prima squadra con un numero inferiore: se ho tanti giocatori a disposizione, il giovane deve scavalcare molti compagni per essere titolare”. 

Sul Mondiale, parla così: “Strutturare il post Mondiale non sarà facile perché per la prima volta si gioca in inverno. Avremo 6 o 7 giocatori che partiranno. Sarà una gestione soggettiva, rispetto a quando torneranno. Dovremo capire quanti giorni di riposo gli serviranno, ma il campionato inizia comunque il quattro gennaio. È un discorso diverso rispetto al Mondiale estivo, qui abbiamo molto meno recupero. Faremo una settimana a Milanello poi dieci giorni a Dubai dove faremo amichevoli. Sarà complicato ma stimolante. Importante è che la squadra rientri dai Mondiali in un gruppo ancora con ambizioni”.

Infine, Pioli chiude così sulla sua carriera: “Ho avuto tante situazioni difficili ed esoneri da affrontare. Ho fatto anche tante annate positive, che fossero salvezza o Scudetto. Mi sono portato via delle convinzioni da entrambe le situazioni e mi hanno portato ad essere l’allenatore che sono adesso”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Photocredits: acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Radio Rossonera Live

live