Ordine: “Perdere a zero un calciatore, spreco o scelta sostenibile?”

0 cuori rossoneri

Nel suo editoriale sul Corriere dello Sport, Franco Ordine analizza la gestione rossonera tra mercato e rinnovi di contratto.

“Nel dibattito recente sulla trattativa Juve-Dybala, conclusa con la rinuncia del club bianconero a rinegoziare il contratto dell’argentino c’è chi ha colto (sottolineando le parole sul tema dell’ad Arrivabene) analogie con il comportamento, molto discusso e criticato ai tempi, del Milan alle prese con le spinose questioni di Donnarumma e Calhanoglu e le prossime riferite ai casi Kessié e Romagnoli, altri due perdite secche a zero e in partenza a fine stagione.”

“Di qui l’inedito dibattito tra addetti ai lavori e analisti: ma allora è sempre un pessimo affare perdere a zero un proprio calciatore oppure è cambiato qualcosa nello scenario economico finanziario del calcio italiano? A leggere l’esperienza milanista è la risposta è completamente diversa. E’ vero: ha perso il portiere campione d’Europa preferendogli un collega francese; ha perso inoltre Calhanoglu per la felicità degli interisti, senza rimpiazzarlo, ma schierando un talentino spagnolo che ha avuto nella stagione pochi alti e molti bassi.”

-Leggi QUI anche “Italia-Macedonia, le pagelle dei rossoneri: bocciato anche Tonali!”-

“Bene: nonostante questi, considerati (nello schema calcistico italiano pre-pandemia) errori clamorosi, è accaduto qualcosa di particolarmente curioso. Primo: con i soldi risparmiati dalle commissioni delle due operazioni (20mln reclamati da Raiola più una decina dall’agente del turco), circa 30 milioni, è stata effettuata l’operazione Tomori, riscatto dell’inglese diventato un pilastro della difesa rossonera. Secondo: nonostante i due mancati rinnovi e quindi senza nessuna potenziale plusvalenza (le ultime due in Casa Milan sono state quelle realizzate con le cessioni di Cutrone e Hauge), la classifica del Milan non è peggiorata e soprattutto i conti sono migliorati per effetto anche del monte stipendi che non è lievitato pericolosamente. Il prossimo bilancio al 30 giugno (secondo previsioni attendibili) dovrebbe ballare tra meno 50 e 60 milioni con un ulteriore dimezzamento rispetto al precedente deficit (90 milioni).”

“Attenzione però: la conclusione non è quella superficiale, cioè ecco a voi la formula del calcio sostenibile. No. La morale è un’altra: esiste anche una formula virtuosa che consente di migliorare i conti senza demolire il patrimonio tecnico.”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live