Marotta: “Sarà un campionato avvincente, un dettaglio farà la differenza”

0 cuori rossoneri

Intervenuto all’evento “Lo Sport fa viaggiare” al Fantini Club di Cervia, l’AD dell’Inter Beppe Marotta ha parlato della prossima stagione del campionato di Serie A e della crisi del calcio italiano.

Sulla crisi del calcio, tra scuola e stadi
“Gli impianti sono pochi, c’è ancora molto da fare: pecchiamo di infrastrutture povere e di mancanza di formazione. Non possiamo pensare allo sport come fenomeno a sé stante, ci vuole un’offerta formativa per coloro che sono destinati a questo settore. Mancano strutture e mancano docenti, poi c’è anche una burocrazia che rende molto difficile il finanziamento delle strutture nuove e la stessa banca dello sport non riesce a garantire soldi”.

Sugli obiettivi dell’Inter
“Nello sport bisogna avere il coraggio di osare, sta anche a me come leader di un gruppo dire quale sarà l’asticella. Dire che puntiamo alla seconda stella è uno stimolo, poi la sfida è importante per tutti in una stagione anomala, con quasi due mesi di sosta forzata per via del Mondiale. Bisognerà gestire la parte atletica, che sarà difficile visto che tanti giocatori andranno al Mondiale. Direi che potrà incidere sull’esito finale”.

Sulla prossima stagione di Serie A
“Di sicuro sarà un campionato avvincente, negli ultimi anni Inter e Milan hanno vinto lo Scudetto facendo sì che non ci sia più l’egemonia della Juventus”.

LEGGI QUI ANCHE   -DE KETELAERE: ECCO QUANDO SARA’ A DISPOSIZIONE DI PIOLI-

Sullo scudetto perso la scorsa stagione
“L’anno scorso poi ha dimostrato che la cura dei particolari fa la differenza. Siamo arrivati a due punti dallo Scudetto, il che significa che la distanza era minima e quindi vanno curati quegli aspetti trascurati la stagione passata. Una società deve curare i particolari, come ad esempio lo staff che sta dietro la squadra che va in campo, dai magazzinieri ai nutrizionisti”.

Sulle proprietà estere nel calcio italiano
“Se arrivano i fondi vuol dire che mancano i soldi, c’è un grande difficoltà finanziaria. Quindi è giusto che venga dato spazio a proprietà straniere, perché il mecenatismo è finito, e ai fondi perché in un momento di grande contrazione finanziaria danno linfa vitale per portare avanti il sistema. Io credo però che il made in Italy sia ancora di altissimo livello, come giocatori e come allenatori. Carlo Ancelotti, rivincendo la Champions League, ha dimostrato quale sia la qualità degli allenatori italiani”.

Sulla mancanza di società sportive
“In Lombardia negli anni ’70-’80 lo sport era generato principale dal mecenatismo dell’imprenditoria, oggi non ci sono più imprenditori e quindi non ci sono più società sportive. A Varese, la mia città, la pallacanestro e il ciclismo giravano intorno al commendator Borghi. Oggi le società calcistiche tra Milano e Varese si sono ridotte, è un momento di forte contrazione”.

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live