ESCLUSIVA – Gianluigi Longari: “Domenica crocevia per lo scudetto. Kessie ha un accordo con il Barca. Mercato? Su Botman si è molto avanti”

0 cuori rossoneri

Nel corso del Lunch Press, ha parlato in esclusiva ai microfoni di Radio Rossonera il giornalista Gianluigi Longari.

È un campionato bellissimo e apertissimo. Napoli – Milan è sfida scudetto?

“Assolutamente si soprattutto con quello che ha fatto il Napoli nell’ultimo turno con quel gol allo scadere che sembrava quasi un segno del destino per quanto riguarda le speranze scudetto dei partenopei per cui inevitabilmente questa partita anche in considerazione del fatto che stasera l’Inter questa sera giocherà una gara apparentemente accessibile contro la Salernitana, potrebbe essere un crocevia di f0ndamentale importanza per la lotta scudetto”.

Nel derby un Milan più dinamico con l’innesto di Krunic e Saelemaekers. Pioli deve continuare così?

“Onestamente contro il Napoli che comunque ha un gioco più propositivo, io penso che sia molto probabile vedere un sotto punta alla Krunic o come aveva scelto nel derby, alla Kessie. Comunque sia un centrocampista a tutti gli effetti. Per cui io penso che sia, in questo modo, un Milan più equilibrato con la mancata possibilità di imporre il proprio gioco visto che l’avversario è di livello, penso sia la strada giusta da perseguire”.

Kessie sempre più vicino al Barcellona?

“Dalle informazioni che ho io, a fine gennaio, intorno al 20, avevo saputo di un accordo verbale tra Kessie e il Barcellona. Di li in poi le evoluzioni che ci sono state è di una richiesta superiore. Dopo sono arrivate le offerte di altre squadre con valori economici superiori anche per quanto riguarda le commissioni e chi assiste Kessie aveva fatto presente al Barca chiedendo di innalzare la proposta di bonus alla firma arrivando praticamente in doppia cifra. Il Barcellona aveva veicolato delle informazione attraverso la stampa catalana dicendo che si sarebbe ritirato dall’affare, cosa che non era vera era una scelta strategica e in realtà il Barca è fortemente su Kessie. C’è un accordo verbale tra Kessie e Barcellona da ratificare con una firma che non è ancora arrivata ma che presumibilmente potrebbe arrivare perchè Kessie la sua scelta l’avrebbe fatta. Il ritardo è dovuto a una richiesta ulteriore del procuratore al Barcellona per aver un bonus alla firma più importante rispetto a quello concordato verbalmente con tanto di stretta di mano con il management del Barca. Per questo motivo c’è stato un ritardo rispetto alla chiusura della trattativa”.

Leggi QUI – La crisi del calcio: l’allarme del Presidente della FIGC

Kessie al Barcellona pensi sia la scelta giusta?

“Penso che Kessie abbia fatto questa scelta per un preciso disegno tattico che Xavi gli ha proposto. Un tipo di profilo del genere è quanto Xavi stia cercando in mancanza di calciatori di quel livello che possono costruire dinamiche di gioco come quelli del Barca di Guardiola. Ma quel Barca, insieme ai palleggiatori, aveva Yaya Touré in mezzo al campo. Per questo motivo penso che il Barca voglia con così tanta forza Kessie e lui penso sia lusingato dalla corte del Barcellona. Ovvio che un Barca ai vertici del calcio europeo, la scelta di Kessie sarebbe difficile da capire ma invece in un Barca che vuole ricostruire ci può stare questo tipo di aspetto. Il Barcellona deve prendere calciatori forti, a parametro zero perchè non ha grosse possibilità di spesa. Vuole veicolare tutte le disponibilità economiche per il cartellino di un profilo molto importante che può essere quello di Haaland. Per questo motivo oltre a Kessie, per quanto mi risulta, da almeno un paio di settimane il Barca è in pole position assoluta anche per Mazraoui. Addirittura, per quello che so, c’è stata la partita dell’Ajax in Portogallo e c’è stato il CEO del Barcellona ad insistere rispetto alla possibilità di raggiungere un accordo a parametro zero con Mazraoui. Per cui, è un tipo di mercato che il Barcellona sta cercando di perseguire. Questo profilo si aggiunge ad un altro profilo a parametro zero che è quello di  Azpilicueta”.

Dopo Leao e Maignan dal Lille, pensi che questa estate possano arrivare 3 o addirittura 4 gli arrivi dal club francese?

“Penso che potrebbero diventare 3 o addirittura 4 come dici tu. Su Botman il Milan è molto avanti. Già da gennaio era lui l’obiettivo, il prescelto e difficilmente avrebbe investito per un obiettivo diverso. Vi posso anche aggiungere che al Milan non hanno apprezzato particolarmente la scelta dell’entourage del calciatore di pubblicizzare il loro arrivo a Milano. Detto questo il Milan è la squadra più avanti di tutte per arrivare ad un accordo con Botman pur non avendolo ancora definito e secondo me il Milan cercherà di perseguire questa strada in maniera assoluta. Renato Sanches è un altro giocatore sul quale il Milan c’è da diverso tempo e in maniera abbastanza delineata”.

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live