L’ex Milan cerca squadra: “Ho bisogno di sentirmi di nuovo un calciatore”

0 cuori rossoneri

Intervistato dai microfoni di Gianlucadimarzio.com, l’ex centrocampista del Milan José Mauri ora svincolato ha parlato del suo passato e del suo (ancora incerto) futuro.

Sul suo presente da svincolato
“Mi alleno da solo da aprile, da quando ho lasciato gli Stati Uniti. Ho detto al Mister che non avevo nulla da fare lì, ho salutato tutti e me ne sono andato. Poi qualche giorno di vacanza e sono tornato in Argentina ad allenarmi: 5 giorni a settimana, la mattina in palestra, il pomeriggio in campo. Sono seguito da un preparatore personale e ogni tanto mi alleno con la piccola squadra del paese, lo Sportivo”.

Sull’esperienza in Argentina
“Il calcio argentino fino a quel momento l’avevo visto solo in tv. Al Talleres ho trovato una tifoseria molto passionale, dopo quelle delle grandi di Buenos Aires c’è la loro. Uscire dal tunnel e vedere la gente sugli spalti è la cosa più bella. A livello di stadi e giocatori, l’Europa è 10 volte meglio e non è paragonabile. Ma qui i protagonisti sono i tifosi. Giocare la Copa Sudamericana o il campionato locale, e vedere le tifoserie che cantano è roba che non si può spiegare, ma solo vivere. Era un’esperienza da fare, non ho rimpianti. Ho lasciato l’Argentina perché ci sono state delle vedute diverse con il presidente del Talleres. Mentre l’allenatore voleva che rimanessi”.

Sull’esperienza in MLS
“Mi parlavano di un campionato in un modo e invece si è rivelato lì tutt’altra roba: non sono passionali, ero abituato all’Italia o all’Argentina dove si vive il calcio con passione. Era tutto più freddo e non mi sono mai sentito un calciatore, avevo perso quel fuoco che avevo: i soldi sono importanti, ma sentirsi giocatore lo è di più. Magari come strutture e ingaggi sono pronti, ma il contesto non è paragonabile. Il campionato non è male, ci sono giocatori forti: loro tre poi vivono in un’altra città e per degli italiani magari può essere un’esperienza positiva. Io sono andato in una città che non ha praticamente nulla di turistico. Sono arrivato con una motivazione e poi invece mi sembrava che stessi lì a lavorare: se perdevi o vincevi una partita era lo stesso”.

LEGGI QUI ANCHE   -DE KETELAERE: ECCO QUANDO ARRIVERA’ A MILANO! IL PROGRAMMA DEL BELGA-

Sull’Italia
“Mi manca il caffè, la pasta e la pizza, soprattutto quando ero in America. Tra aprile e maggio però sono tornato. Sono stato a Torino da Bonucci, a Roma da Reina e ho salutato tutti a Milanello: ho fatto foto con Maldini, ex compagni, ufficio stampa e magazzinieri, ma non ho messo nulla sui social perché come ho detto prima preferisco tenermeli per me questi momenti”.

Sulla grande stagione del Milan e su Paolo Maldini
“Do tanto merito a Maldini e gli ho fatto i complimenti di persona. Quando sono stato lì ho visto i giocatori molto motivati e ho trovato un ambiente molto cambiato rispetto a quando c’ero io.  Sono felicissimo per i compagni come Kessié, Calabria o Romagnoli, ma più che altro per le persone che lavorano dietro le quinte. Nessuno è più felice di loro per questo titolo. Su Paolo posso dire che non si rende conto di quanto sia grande e gliel’ho detto. Maldini che ti guarda all’allenamento ti mette pressione. Lui ha grande merito sul mercato, ma solo la sua presenza secondo me ha migliorato tutto”.

Sul suo futuro
“L’idea è tornare in Europa, meglio se in Italia perché è un campionato che conosco e dove sono cresciuto. Ho parlato con un paio di club tempo fa, ma non sapevano ancora quale categoria avrebbero fatto quest’anno”. Magari anche nel campionato cadetto. “Io prima di tutto voglio tornare ad essere calciatore e sono molto motivato. Mi sento pronto. La Serie B sarebbe un’esperienza da vivere, poi ci sono grandi squadre quest’anno”.

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

photocredits: Instagram @josemauri5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live