L’ex campione dell’Inter: “Ecco chi darà fastidio al Milan”

0 cuori rossoneri

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, l’ex campione nerazzurro Lothar Matthäus ha parlato dell’importantissimo derby di domani sera.

Matthäus, i tifosi avrebbero preferito giorni più tranquilli…
«Sono giorni bellissimi, invece. È per partite come queste che amiamo il calcio, mi manca giocarle. San Siro, poi, nel derby è unico per questa rivalità che accende la città. La sfida col Milan è la cosa più bella che mi porto dall’Italia, assieme a quella a Napoli contro il mio amico Diego».

Riavvolga, allora, la memoria ai suoi sei derby giocati.
«Ne ho vinti tre, nell’anno dello scudetto col Trap è stato un successo chiave, poi l’anno dopo ho segnato in un 1-3 con doppietta di Serena. Il portiere Pazzagli per poco non mi parò il rigore… Ma quello era un Milan da applaudire, la squadra migliore d’Europa. Li ammiravo davvero, ma non sempre la bellezza è vincente, a volte devi essere compatto per farcela. Noi lo eravamo e avevamo una chiave per batterli: far arrivare la palla da Zenga a Serena nel più breve tempo possibile. Il resto veniva da sé…».

LEGGI QUI ANCHE   -BARESI: “DE KETELAERE, SERVE PAZIENZA! E SU KALULU…”-

E la chiave adesso qual è ?
«Avrei detto Lukaku. Mi ha sorpreso rivederlo a Milano dopo un anno, ma l’atmosfera a Londra si era fatta pesante: troppe chiacchiere uccidono la concentrazione… L’infortunio, però, non ci voleva e allora dico Lautaro: sa come colpire, può dare fastidio al Milan, mi piace perché suda per ogni palla e senza Romelu sa già cosa fare. E mai sottovalutare l’orgoglio di Dzeko».

Il suo amico Klinsmann ha detto che Barella sta diventando un piccolo Matthäus: esagerato?
«Penso che Jurgen si riferisca allo stile e alla posizione, al lavoro per la squadra. Io sono arrivato a Milano a 27 anni e lui ne ha 25 ora che è alla quarta stagione… Ha tempo di crescere e, se lo farà nella maniera giusta, come ho fatto io, può diventare il migliore in assoluto nel suo ruolo. E per Mancini la base della ricostruzione. C’è una parola italiana che mi piace, “trascinare”: ecco Barella trascinerà».

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live