Leao: “Non potevo dire no al Milan”

0 cuori rossoneri

Rafael Leao, attaccante del Milan, si è espresso in questo modo sui canali della UEFA, cominciando dalle difficoltà incontrate da bambino: “Ero
destinato a giocare a calcio, abittavo in un quartiere povero e non era facile. Se crediamo in noi stessi, possiamo andare lontano”.

Poi è arrivata la grande occasione di intraprendere un avventura insieme al Milan:
“Ho lasciato lo Sporting a 19 anni e sono rimasto al Lille per una sola stagione. Quando il Milan mi ha contattato è stata una gioia. Ero felice,
ma anche in ansia perché da un momento all’altro uno dei più grandi club d’Europa mi voleva. Non potevo dire di no.

Leggi QUI: CHI SARANNO GLI 11 LEONI DI STAMFORD BRIDGE | Mattino Milan (PODCAST)

Ma arrivare in un nuovo club a 19 anni non è facile. Mi sembrava di non poter gestire la pressione, non riuscivo a rispondere positivamente in campo. Non potevo perdere l’occasione di dimostrare quello che valevo, il club non aveva intenzione di vendermi. Credeva in me. Quel voto di fiducia mi ha aiutato a crescere e a migliorare. Oggi sento di essere una risorsa preziosa per la squadra e per il club, in campo posso aiutare i compagni”.

Photocredits: acmilan.com

Segui la nostra pagina Facebook per sapere tutto quello che succede nel mondo Milan!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Radio Rossonera Live

live