Damsgaard

Kristensen (Jyllands-Posten): “Damsgaard non ancora pronto per una big. Su Kjaer…”

0 cuori rossoneri

Damsgaard – Kjaer

Thomas Møller Kristensen, giornalista danese del Jyllands-Posten, ci ha rilasciato una lunga intervista, sull’obiettivo di mercato del Milan Mikkel Damsgaard e sul capitano della Nazionale Simon Kjaer. Di seguito riportate le sue parole:

Damsgaard sta giocando molto bene in questi Europei, segnando anche un gol e giocando in attacco largo a sinistra. Qual è il sentimento su di lui in Danimarca?

“Mikkel è considerato un talento da tanto tanto tempo, ma non potevamo immaginarci che giocasse così tanto in questi Europei. Speravamo di poterlo vedere 15-20 minuti a partita per metterlo in campo e garantirgli esperienza. Ovviamente poi con il tragico momento che è successo a Eriksen, che ha dovuto salutare Euro2020, il Coach ha dovuto guardare altre soluzioni. È stata un pò una sorpresa la scelta di Damsgaard, ma l’allenatore Hjulmand ha allenato il Nordjaelland, squadra in cui Damsgaard giocava. Quindi lo conosce e conosce le sue qualità. È stato veramente brillante contro il Belgio, ha invece giocato peggio contro la Russia ma poi ha segnato quel gol fantastico. C’è un sacco di aspettativa, ma bisogna essere realisti e avere pazienza. Deve fare esperienza. Tutti lo considerano il futuro e lo comparano a Laudrup”.

Ci sono rumors su un possibile trasferimento di Damsgaard, anche se il suo presidente chiede circa 30/40 milioni. Pensi sia pronto per un grande trasferimento?

“Sarei sorpreso se lasciasse la Sampdoria adesso. Se fossi in lui rimarrei in una squadra dove sono certo di giocare. Se andasse in un club grande Club rischierebbe di diventare un sostituto o una promessa per il futuro. Ha bisogno di giocare. Deve fare esperienza e costruire il suo corpo. È ancora gracile. Deve crescere come persona e come giocatore. È un ragazzo normale, circondato da persone intelligenti e tranquille. Spero resti per costruirsi di più, da quel che so è felice alla Sampdoria”.

Quindi pensi che anche il Milan possa non essere la scelta giusta? 

“Io non ci andrei. Starei un altro anno. Il suo tempo arriverà. Non deve avere fretta. Se non succede questa stagione sarà la prossima. Deve pensare a lungo termine. Al Milan avrebbe Simon Kjaer e sarebbe avvantaggiato. Kjaer gioca regolarmente e potrebbe aiutarlo”.

In Italia e a Milano si è parlato tanto di quello che Simon Kjaer ha fatto nell’episodio di Christian Eriksen. Molti tifosi chiedono che sia lui il capitano del Milan per la prossima stagione. Considerando che è il capitano della Nazionale, pensi possa essere pronto anche a diventare il capitano di un Club così importante come il Milan?

“È difficile. È stato il capitano della Nazionale per tanti anni e agisce come un capitano. Ha un ruolo importante in Nazionale ma solo quando giocava in Nazionale. Ha cambiato tantissimi Club, tantissimi allenatori, è stato tanto in panchina e non performava. Ora gioca regolarmente ed è diventato centrale nel Milan. Lo vedi nel modo in cui gioca, controlla e aiuta i compagni. Ora è pronto ma ad esempio direi che un anno fa non lo era. Ha avuto una carriera un pò tribolata tra Spagna, Turchia, ecc. Ha avuto tanta esperienza ed è cresciuto in confidenza. Anche il momento di Eriksen, è come se fosse stato naturale per lui. È andato subito verso il compagno, lo ha aiutato e soccorso”.

photocredits twitter.com/EURO2020

Leggi qui la nostra intervista a Bruno Satin, storico agente francese che ci ha parlato di Maignan e Kamara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live