Kalulu: “Non c’è motivo di andare via dal Milan, voglio restare qui”

0 cuori rossoneri

Pierre Kalulu è stato intervistato questa mattina da Eurosport, parlando del suo momento al Milan e delle prospettive future di carriera.

Sembra che tu abbia assunto una dimensione tutta nuova con il Milan nelle ultime settimane.
“È vero, da gennaio ho giocato diverse partite, grazie anche ad alcune assenze. Ma questo è il calcio. Sono sempre pronto. Quando sei in un club come il Milan, che è un’istituzione, devi sempre sentirti titolare. Quando sei chiamato sul campo, devi rispondere presente. Penso che tutti pensino anche a se stessi in questo senso”.

Hai una preferenza riguardo al tuo posizionamento in campo?
In realtà le mie preferenze cambiano a seconda della partita, della composizione della squadra, dell’avversario… Tutto dipende da come devi giocare. Ad esempio, posso trovarmi bene nel ruolo di terzino in alcune partite e in altre nel ruolo di difensore centrale. Tutto può variare a seconda della faccia della partita e di ciò che mi viene richiesto. Non ho preferenze. Durante la mia formazione al Lione, ero già molto sballottato.”

Dopo aver cercato a lungo un difensore centrale a gennaio, i dirigenti del Milan non hanno chiuso nessuna trattativa. È un segno di fiducia per te?
“Per quanto riguarda le voci, ci siamo abituati. Da quando sono al Milan è sempre stata la stessa cosa in ogni finestra di mercato, e questa volta è stato il difensore… Ci adattiamo. Ma è ovvio che quando vedo certe affermazioni (quelle di Paolo Maldini, ndr), mi fa un grande piacere, soprattutto quando provengono da un mito della società. È gratificante.”

Alessandro Costacurta, ex grande difensore italiano del Milan, si è detto di recente “stupito” dei tuoi progressi. Come vivi tutti gli elogi della stampa italiana?
Quando sono dei grandi giocatori a dire questo genere di cose, è sicuramente qualcosa di importante. Conoscono il calcio di alto livello e le caratteristiche della posizione, con tutte le componenti che lo accompagnano. La posizione di difensore è forse più ingrata di altre, dove un errore può costare caro e rovinare tutto il lavoro svolto a monte. Più in generale, i complimenti sono sempre piacevoli, che provengano dai giornalisti o dalle persone della tua vita quotidiana.”

Dove trovi questa tranquillità che caratterizza ogni tua prestazione?
Onestamente, i giocatori della mia generazione si sono formati con questo spirito. C’era molta aspettativa intorno a noi fin da piccoli, soprattutto quando ti alleni in un grande club. Al Lione abbiamo allenato giocatori per la Champions League, non solo per la Ligue 1. Inconsciamente, a forza di ripeterlo a te stesso, lo integri. E diventi automaticamente pronto per il gioco, sei condizionato e preparato per questo.”

Come gestisci la pressione prima di una partita?
Sono sempre molto concentrato prima di una partita. Ma per me, non c’è più pressione ora rispetto a quando giocavo a grandi tornei quando ero più giovane. È la stessa pressione. Nel tempo, penso che svanisca anche. Impari a gestirlo e canalizzarlo. So cosa posso fare e mostrare. Oggi c’è più desiderio di mostrare ciò di cui sono capace piuttosto che apprensione.”

Cosa hai scoperto al Milan?
Da giovane, mi sono mancati i grandi anni del club. Arrivando qui, ho davvero scoperto la sua immensità. Ci sono sostenitori ovunque (ride). Ovunque andiamo in trasferta, a Roma, Salerno o ancor più al Sud, ci sono sempre i tifosi che aspettano la squadra in aeroporto, in albergo… È importante, puoi sentire che sono sempre con te. Onestamente, non me lo aspettavo. Qui c’è sempre bisogno di risultati, sia in allenamento che in partita. C’è un livello minimo da avere e devi sempre dare il massimo. È il segno distintivo dei grandi club.”

-Leggi QUI anche “Dopo 23 anni il Milan torna a Salerno: che fine hanno fatto i campioni del 1998-1999?”

Nonostante i suoi infortuni, cosa ti porta quotidianamente un giocatore come Zlatan Ibrahimovic?
Ha ancora un posto molto importante negli spogliatoi e in campo, dove ha segnato ancora molti gol in questa stagione. Possiamo dire che è soprattutto grazie a lui che oggi siamo sulla strada giusta. Ora sta a noi dimostrare di aver capito cosa stava cercando di trasmettere. Quando tornerà, saremo sicuramente ancora più bravi.”

Con Yacine Adli, che vi raggiungerà la prossima estate, la colonia francofona continuerà a crescere a Milanello…
Non mi dà fastidio (ride)! Parliamo francese tra di noi, ma sul campo lo facciamo sempre in italiano in modo che tutti capiscano. Ciò significa soprattutto che in Francia ci sono player di qualità ed esportiamo bene. Siamo osservati e ricercati, è gratificante. Per tutti i nuovi arrivati, è anche un ulteriore aiuto per l’adattamento. Spieghiamo in particolare le diverse aspettative che ci sono qui, anche alcune sottigliezze… È sempre bene avere dei benchmark.”

Come sta andando l’adattamento di Olivier Giroud, che ha già segnato dieci gol in questa stagione?
“È un giocatore di altissimo livello. Eppure ha sempre questa voglia di progredire, di imparare o di segnare. Quello che mi colpisce sono i suoi movimenti e la sua intelligenza di gioco, ovviamente l’ho seguito nei suoi vari club ma, quotidianamente, dico che è di altissimo livello. Inoltre, ha imparato l’italiano molto rapidamente. Non è ancora perfetto, ma sta arrivando (ride). Ha appena segnato 4 gol in 3 partite. Giroud esige rispetto. Quando sta bene, è perfetto per noi.”

Mike Maignan ha impressionato tutti sin dal suo arrivo a Milano. Attualmente è il miglior portiere della Serie A?
Per me la risposta è sì dopo l’andata. È stato in grado di salvarci quando necessario. Il suo piede mi impressiona ogni giorno, ha anche fatto un assist di recente. Mike si è comportato come un leader dal momento in cui è arrivato, anche quando non parlava la lingua. Non esita a dire quello che ha da dire, a dirigerci. È un giocatore con una forte etica del lavoro su base giornaliera. Il solo vederlo ti fa venire voglia di seguirlo. Possiamo dire che è un leader naturale, sul campo e a parole. Inoltre, ha questa esperienza di vittorie. Sa cosa fare per raggiungere il successo. Se in più inizia a fare passaggi decisivi…”

Dopo essere stato selezionato per la Francia e aver indossato la fascia di capitano a Milano, Théo Hernandez ha recentemente prolungato il suo contratto. Speri di seguire le sue orme?
“Tutte le persone che sono un modello di successo sono fonte di ispirazione. Fin dai primi mesi, quando giocavo di meno, lo guardavo dalla panchina ed era già impressionante. Il suo rinnovo è una logica continuazione, così come la sua convocazione nella nazionale francese. È arrivato al Milan, qui si è evoluto e ha mostrato di cosa era capace. Questa è la strada che tutti noi vogliamo intraprendere. Teo è un esempio.”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Il Milan è attualmente in testa alla Serie A, credi nello scudetto?
Tutto può girare molto velocemente. Lo abbiamo potuto vedere nel derby, dove siamo stati sotto prima di ribaltare definitivamente tutto. Avremmo potuto finire molto indietro. Vogliamo fare qualcosa in questa stagione. L’anno scorso è stata una buona annata, anche molto buona. E alla fine, non abbiamo vinto nulla. C’era necessariamente un sentore di lavoro incompiuto. Io, personalmente, voglio vincere qualcosa in questa stagione.”

Come affronti il doppio confronto contro l’Inter in programma per le semifinali di Coppa Italia?
Questo aggiunge necessariamente qualcosa. Quando arrivi a questa fase della competizione, mancano solo tre partite prima della vittoria finale. È il modo più veloce per guadagnare qualcosa. Sappiamo che l’Inter tornerà con più voglia dopo la sconfitta in campionato. Saranno focosi, ma lo saremo anche noi.”

I media italiani parlano da diversi giorni di un tuo possibile prolungamento con il Milan.
“Mi sento bene qui e mi sono sentito perfettamente integrato nel club. Parlo abbastanza bene la lingua e mi sento a mio agio nella vita di tutti i giorni. Inoltre, i risultati attuali della squadra danno necessariamente la voglia di rimanere con continuità qui. Voglio fare delle belle cose con il Milan e voglio restarci. Non c’è motivo di voler partire.”

Maignan Kalulu

photocredits: acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live