Andrea Agnelli

L’avvocato tuona: “Ora la Juventus rischia seriamente la retrocessione”

0 cuori rossoneri

Intervistato dal Corriere dello Sport, l’avvocato esperto di diritto sportivo Mattia Grassani ha spiegato perché la Juventus potrebbe rischiare la retrocessione.

In cosa consiste il ricorso della procura federale contro la Juventus?
“Si tratta di un ricorso per revocazione, ossia dell’unico strumento che consente la riapertura di un procedimento su cui si è formato il giudicato. L’art 63 del Codice di Giudizia Sportiva prevede che tutte le decisioni degli organi di giustizia sportiva, anche definitive, possano essere impugnate in presenza di determinati presupporti previsti in maniera tassativa”.

E quali sono questi presupposti?
“Circostanze straordinare quali l’emersione della falsità di prove utilizzate nel giudizio, l’omissione di fatti decisivi ai fini della decisione sopravvenuti dopo il processo o che non potevano essere conosciuti, un errore di fatto commesso dal giudice”.

LEGGI QUI ANCHE   -MILAN, MAIGNAN SPAVENTA: DUE IDEE ITALIANE OLTRE A SPORTIELLO PER GENNAIO-

E’ stato riproposto il contenuto dell’atto di deferimento originario?
“Nella sostanza le contestazioni sono le medesime: l’elemento di novità è che la procura federale, a fronte delle due decisioni precedenti, ritiene di aver rinvenuto la cosiddetta ‘pistola fumante’, ovvero la prova che i valori attribuiti ai giocatori non fossero ancorati esclusivamente a valutazioni tecnico-sportive, ma assolvessero alla finalità di aggiustare i bilanci. La pistola fumante consiste ovviamente nelle intercettazioni captate dalla procura della Repubblica di Torino e in alcuni documenti rinvenuti in occasione degli accessi presso gli uffici del club bianconero”.

LEGGI QUI ANCHE    -CALCIOMERCATO, L’EX MILAN VICINISSIMO A TORNARE IN SERIE A!-

Quali sono i rischi per la Juventus?
“Difficile fare una previsione, perché nel ricorso non sono specificate le richieste sanzionatorie. La procura federale potrebbe non discostarsi dalle conclusioni già rassegnate in occasione del precedente procedimento, che consistevano in ammende, anche pesanti, a carico dei club, e pesanti inibizioni per i dirigenti, ma potrebbe anche chiedere sanzioni più gravi. Quanto sopra, però, a condizioni che si entri nel merito, essendo preliminarmente necessario che l’organo di giustizia dichiari l’ammissibilità del ricorso”.

Ed è possibile che ciò non avvenga?
“Personalmente, da una prima lettura del ricorso, sono molto perplesso rispetto alla sussistenza delle condizioni necessarie previste dall’art 63 affinché possa promuoversi un giudizio per revocazione che, per definizione, costituisce un mezzo di impugnazione straordinario. Sarà certamente una bella battaglia in aula in punto di diritto”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Andrea Agnelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Radio Rossonera Live

live

EnglishGermanItalianSpanish