Rafael Leao

Il giornalista attacca Rafael Leao: “Impari a giocare senza palla!”

0 cuori rossoneri

In un editoriale sulle colonne del Corriere dello Sport, il giornalista Alberto Polverosi ha criticato il rendimento di Rafael Leao, alla quarta stagione in maglia Milan.

“Rafael Leao è alla quarta stagione col Milan e tantissimo di quello che ha dentro per ora gli è rimasto dentro. Riyad non è stato fra i peggiori, nel Milan allo sbando ha cercato una soluzione personale, ma da un giocatore con quella struttura, con quella velocità, con quella tecnica in velocità, è obbligatorio aspettarsi di più, pretendere di più. Leao deve capire qual è la sua dimensione. Non è un fuori categoria, oggi lo sono Messi, Mbappé, Haaland, giocatori che risolvono la partita, che trascinano la squadra, che stabiliscono da soli una differenza netta, evidente. Gli dai la palla e ci pensano loro. Sempre, o quasi sempre. Per arrivare fin lassù, Leao dovrebbe segnare 30 gol in partite ufficiali a stagione, mentre finora il suo record è quota 14 dell’anno scorso”.

LEGGI QUI ANCHE   – PLUSVALENZE, COINVOLTO ANCHE IL MILAN? IL CLUB ALZA LA VOCE E SMENTISCE IN DIRETTA SKY (VIDEO) –

“Il freno, diciamo pure il blocco di questo ragazzone è mentale. Mentale in senso calcistico, ovviamente. Rafael Leao non è quasi mai associato alla squadra, gioca un calcio tutto suo, un calcio che incenerisce l’avversario e abbaglia lo spettatore nello spunto individuale, quando parte con la palla incollata al piede. Ma della partita, di quella che il Milan gioca senza palla, a lui interessa poco. Facciamo gli ultimi due esempi. A Lecce, mentre Strefezza (non un fenomeno, ma di sicuro un buon giocatore che peraltro in questo campionato ha segnato solo 3 gol in meno del portoghese in una squadra non di vertice) si sfiancava in continui raddoppi difensivi per aiutare Gendrey, il diretto marcatore di Leao, mentre lui, Leao, se ne fregava altamente di aiutare Hernandez (in condizioni precarie come si è visto anche in Supercoppa), lasciandolo in balìa di uno o due avversari”.

LEGGI QUI ANCHE   – ROMAGNOLI TORNA SULL’ADDIO AL MILAN: “SAREBBE STATO MEGLIO ESSERE PIU’ CHIARI…” –

“A Riyad, quattro giorni dopo, il bis. Esatta fotocopia della partita di Lecce. Quando Darmian, l’interista della sua fascia, ha fatto partire l’azione dell’1-0, il portoghese è rimasto a guardare. C’è una sola fase nella testa di Rafael Leao, quella offensiva, quella col possesso palla. Ma, come detto, per permettersi tutto questo deve almeno raddoppiare il numero dei gol, altrimenti deve cambiare il modo di stare in campo e, prima ancora di valutare se stesso. Ha una forza atletica più che sufficiente per riempire la sua fascia tornando anche a dare una mano a Hernandez. Il problema è che siamo al quarto anno di Serie A, da tempo Rafael Leao avrebbe dovuto capire che una partita va giocata anche senza pallone”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

leao allenamento
photocredits: acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Radio Rossonera Live

live

EnglishGermanItalianSpanish