Tognazzi Kessie

ESCLUSIVA – Tognazzi: “Siamo primi ma bisogna ragionare partita dopo partita. Quello che ci hanno tolto passerà alla storia”

0 cuori rossoneri

Il noto attore e grande tifoso rossonero, Gianmarco Tognazzi, ospite al LUNCH PRESS, ha parlato del primato del Milan, il post derby e i fischi a Kessie.

Il ritorno in radio dopo che l’ultima volta si viveva una situazione non positiva e si commentava il “tafazzismo” dei tifosi. Ora siamo primi: “Siamo primi ed è esattamente come prima. Non cambia nulla. Bisogna ragionare da due anni, partita dopo partita, non deprimendosi in maniera eccessiva quando le cose non girano bene e non esaltandosi quando le cose girano. Tanto dopodomani, metti che per caso succede una qualsiasi roba in una prossima partita, risaltano fuori come i funghi. Quindi è inutile. Il calcio va, secondo me, vissuto in maniera più tranquilla, più attenta e non necessariamente sempre andando agli eccessi”.

Se la vittoria nel derby ha cambiato qualcosa psicologicamente tra Milan e Inter: “Comunque bisogna analizzare partita per partita per questa è la mia filosofia e fortunatamente è quella del nostro allenatore. Sono tranquillo. Penso sia la strada giusta concentrarsi su se stessi e non guardare gli altri. Non lo so se il derby ha cambiato psicologicamente gli equilibri. Sicuramente potrebbe cambiarlo il derby di andata e ritorno in Coppa Italia. Questo perchè se fai un’ottima prestazione, cosa che il Milan non ha fatto nei primi 70′ del derby di campionato a prescindere dal risultato, a livello psicologico per loro, dopo aver subito il contraccolpo del derby di campionato, potrebbe incidere sul nervosismo. Se il Milan avesse i 4 punti tolti o almeno 2, oggi non parleremo di una classifica provvisoria ma reale per quelli che sono i meriti del campo e non quelli che sono del VAR e degli arbitri. Mi riferisco al fuorigioco geografico contro il Napoli e gli ultimi 5 minuti di Milan-Spezia che entreranno nella storia come il gol di Muntari. Io spero di no ma è molto probabile che alla fine del campionato peseranno in maniera determinante”.

Leggi QUI – Il Presidente Gravina parla della nuova capienza degli stadi

Per avere ripercussioni sul campionato, che risultati dell’Inter speri in Champions: “Stasera mi guardo una serie tv. Io guardo solo in casa mia. Partite, calciomercato, non mi interessa. Gli altri li prendo in considerazione solo quando ci gioco contro”.

I fischi di San Siro a Kessie: “Ognuno ha ciò che si merita. Poteva stare zitto la scorsa estate. Nessuno è obbligato a firmare un contratto quando bacia la maglia … ognuno è libero di dire le cose ma anche di prendersi le responsabilità. Non puoi dare 18 versioni come ha fatto Gigio nell’ultimo anno dicendo di tutto e il contrario di tutto e non puoi  dire, torno a Milano e sistemo le cose e poi fare questa manfrina perchè è normale che il pubblico si stizzisce. Se tu non dici nulla e poi prendi le tue decisioni … va bene ci saranno tifosi che la prenderanno male. Andato via Kessie ce ne sarà un altro. Andato via Donnarumma è arrivato Maignan. Io ho fiducia in quello che fa Paolo Maldini, Massara, Moncada”.

Tra i meriti della dirigenza c’è Leao: “Devo fare il mea culpa. Ma ho anche detto che ci doveva essere un cambio in un ragazzo così giovane. La maturità non la compri a scuola. L’esperienza come la maturità è una cosa che arriva, prima o dopo. Lo stesso discorso fatto su Calabria, Gabbia, Kalulu … bisogna avere pazienza. Poi è vero che arriva un momento, vedi Niang, dove tu quello scatto non lo fai. Ma per Leao è evidente quello scatto e cambiamento mentale che ha fatto si che quella potenzialità diventi qualche cosa che viene espressa”.

Il Milan è l’unica società ad aver aumentato i ricavi in periodo Covid: “Questo è un obiettivo della società. Capisco che essere una società sana è qualcosa che manda fuori di testa le persone che piuttosto di vincere preferisco avere un milione di debito. Io quando ho mezza lire di debito, mi sento in difetto. Ma è un mio modo di vivere la correttezza e l’onestà per poter andare a testa alta e non come quelli che vanno a testa alta fregiandosi di scudetti di cartone o altro”.

Un’opinione sulla notizia di Belotti al Milan: “Se verrà ben venga e si può fare a quelle che sono le condizioni che ci permette la nostra situazione. Se non sarà così ci sarà un altro. Belotti non deve piacere a me ma all’allenatore che sa cosa serve alla squadra”. 

Tognazzi a RadioRossonera

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live