Alessandro Milan

ESCLUSIVA – Alessandro Milan: “Se dopo ieri subiamo dei contraccolpi, non siamo pronti per vincere. La rosa dell’Inter vale più del Milan”

0 cuori rossoneri

Il giornalista e tifoso rossonero Alessandro Milan, è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Radio Rossonera nel corso del Lunch Press. Derby, campionato e decisioni arbitrali.

Il morale dopo le tre scoppole di ieri: “Io non sono uno di quelli che 1-0 o 3-0 fa la differenza anche perchè saremmo usciti comunque. Speriamo che non ci siano contraccolpi. Se subiamo dei contraccolpi per questo e non facciamo risultato nelle prossime partite vuol dire che non siamo ancora pronti per vincere. Se invece non li subiamo, vediamo e speriamo … sarà una battaglia. Si è avverato quello che temevo. A Torino hanno resuscitato i morti. L’inversione di tendenza l’hanno avuta a Torino. Quella partita poteva affossare le speranze di rimonta dell’Inter e invece da quella partita ha trovato un gioco che è tornato ad imporsi sugli altri in campionato”.

Secondo te sono più forti a livello di rosa? “Secondo me la rosa dell’Inter vale 15 punti più della rosa del Milan. Lo so che adesso mi odierete e mi odieranno i tifosi del Milan (ride) … Bisogna guardare in faccia alla realtà. Secondo me Pioli con questa rosa sta facendo dei miracoli. Stiamo parlando di un Inter che ha in attacco Dzeko, Lautaro, Sanchez, Correa e Caicedo … e anche a centrocampo. Secondo me anche la Juve ha una rosa migliore della nostra. Noi siamo li in attacco con Giroud, Ibra che ha 80 anni, Leao è il grande incompiuto perchè fa delle cose straordinarie e poi centra il portiere da sei metri. Se hai Giroud devi andare sul fondo e fare i cross. Se pensi di sfruttarlo mandandolo in profondità, piuttosto che fare un cross da 45 metri, Giroud non farà tantissimo. Farà delle buone sponde ma non sfonderà mai”.

Leao ogni tanto sembra si specchi. Fa la giocata, il dribbling fine a se stessi: “Dico questo. Un gol come quello di Lautaro, palla a mezz’aria, tiro al volo, gol. Chi lo fa nel Milan? Per esempio ieri. Leao supera tutti e la tira sul portiere, Tonali piattone sulla schiena di Giroud … La sensazione è che capita una palla così a Perisic e la mette all’angolo. Questa è una sensazione e non dobbiamo demoralizzarci. Siamo ancora primi o forse secondi però siamo li a giocarcela e giochiamola. Stiamo facendo dei miracoli”.

Come giudichi il gol annullato a Bennacer e in generale questo senso di accerchiamento: “Se si mettono insieme i punti con lo Spezia, Udinese … forse anche noi abbiamo avuto qualche episodio come il rigore per la Roma al 90′ di Kjaer. O Milan-Juve c’è stato un intervento su Morata che forse al VAR sarebbe stato da rigore però la sensazione è che il Milan non sia più tutelato o potente. I potenti sono altri. Vediamo di batterli in campionato così è ancora più bello”.

La tua idea sulle voci del cambio di proprietà: “Non sono nell’ambiente per conoscere la solidità del fondo. Diciamo che il fondo ha come scopo principale quello di capitalizzare tutti quelli che sono i capitali all’interno del fondo stesso. Si sapeva che prima o poi il fondo Elliot sarebbe arrivato ad una vendita. Io spero solo che non ci siano i soliti discorsi – i primi tre anni dobbiamo pianificare – A furia di pianificare, gli altri vincono e noi continuiamo a pianificare”.

Alessandro Milan

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live