Di Canio: “I trionfi non arrivano per caso, il Milan programma”

0 cuori rossoneri

Intervistato da Tuttosport, Paolo Di Canio ha parlato della situazione del Milan, tra scudetto vinto, ambizioni future e nuovi acquisti.

I rossoneri dopo Giroud hanno pescato ancora dalla Premier per rinforzare l’attacco: Origi è la scelta giusta?
«Le ultime stagioni hanno dimostrato che chi arriva da Inghilterra o Germania si inserisce subito grazie a fisicità, intensità e conoscenze tattiche. Non è più come venti anni fa quando uno straniero aveva bisogno di sei mesi per ambientarsi, adesso il nostro campionato è mediocre, ci sono meno difficoltà. Ciò premesso, Giroud non era titolare nel Chelsea, aveva accettato il ruolo di alternativa e faceva il suo, così come ha fatto al Milan dove magari non ha fatto sfracelli, ma ha segnato i gol scudetto contro Inter, Napoli e Lazio».

Origi?
«Non è un goleador, ma viene ricordato per i gol decisivi in Champions. Può essere un acquisto importantissimo per il Milan. E’ uno abituato a lottare per vincere e arriva in un club appena tornato al successo. Ha lavorato in una squadra di altissimo livello, ha fisico e velocità per fare bene in Italia, però deve applicarsi per diventare di più una prima punta. Ha l’età giusta per farlo e le doti non gli mancano, è bravo a calciare con entrambi i piedi, è forte di testa e in acrobazia. Però arriva dal Liverpool, il top del top. Pensi a Lucas Leiva che dopo due stagioni da esubero nei Reds è arrivato alla Lazio a 30 anni ed è diventato per un paio di campionati il miglior centrocampista difensivo della Serie A».

LEGGI QUI ANCHE   -TRA I 10 GIOCATORI PIU’ STILOSI DELLA SERIE A CI SONO 4 ROSSONERI-

Il Milan ha meritato lo scudetto o è stata l’Inter a perderlo?
«Secondo me i rossoneri hanno trionfato non per caso, ma grazie alla programmazione. Ha vinto la società in cui ognuno, nel suo ruolo e senza invasioni di campo, ha dato il suo contributo. E non scordiamo i due errori arbitrali con Spezia e Udinese che potevano essere colpi brutali da cui rialzarsi. A l’Inter a volte è mancata un po’ di determinazione, in alcune gare è stata rivedibile la gestione come nel derby e poi c’è stato l’episodio di Radu a Bologna».

Quando parla della gestione del derby si riferisce ai cambi di Inzaghi sull’1-0?
«Certo. Simone ha fatto bene, ha vinto due coppe e se l’è giocata alla pari con il Liverpool in Champions, ma il suo metodo sui cambi, la sostituzione degli ammoniti quasi scientifica, a volte va ammorbidito e contro il Milan, con tutto il rispetto, ha sbagliato. Quel derby era una finale di Champions, se l’Inter l’avesse vinto avrebbe ammazzato il campionato e i migliori, ammoniti o acciaccati dovevano restare in campo».

La incuriosisce De Ketelaere?
«Il Milan è la mia favorita anche perché non ha smobilitato e ha comprato ragazzi di qualità, penso pure ad Adli. Poi ha una difesa affidabilissima, a destra un soldato come Calabria e a sinistra due frecce devastanti. De Ketelaere porterà fantasia, assist e gol e può giocare in molti ruoli offensivi».

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live